Il tuo browser non supporta JavaScript!

Scienze della terra

Vulcani nel mondo. Viaggio visuale tra rischi e risorse

Lisetta Giacomelli, Cristiano Pesaresi

Libro

editore: FRANCO ANGELI

anno edizione: 2019

pagine: 518

«Sebbene le eruzioni rappresentino in ogni caso una minaccia per la vita umana, nello stesso tempo contribuiscono a creare ambienti fisici ricchi di risorse che hanno permesso nei periodi di stasi, talvolta molto prolungati, la nascita e lo sviluppo di fiorenti civiltà. Il libro è suddiviso in due parti che si integrano a vicenda. Nella prima si analizzano le nozioni generali che consentono di comprendere le caratteristiche di paesaggi così singolari e variegati, con richiami a recenti teorie geografiche, al rischio e alle risorse indotti dal vulcanismo, per poi soffermarsi efficacemente sull'importanza della fotografia e del viaggio. Nella seconda parte si esprimono le impressioni generate "sul campo" dalla presenza dei vulcani, con una specifica trattazione dell'attività eruttiva di ogni area visitata e una vasta documentazione fotografica delle peculiarità geografiche pertinenti a ciascun luogo. In un mondo in cui ormai l'autoscatto con il telefono cellulare è l'ossessiva dimostrazione, da pubblicare in rete, di una presenza-assenza in un luogo, è quasi un sollievo vedere che la fotografia può ancora essere un valido mezzo per testimoniare i cambiamenti del nostro pianeta e gli effetti che questi hanno sulle popolazioni e sull'ambiente. È confortante sapere che qualcuno ancora scrive, interpreta e documenta con competenza i momenti che accompagnano l'uomo attraverso il suo perenne conflitto con gli eventi naturali.» (dall'Introduzione di Roberto Scandone).
48,00

Breve storia delle Alpi tra clima e meteorologia

Alex Cittadella

Libro

editore: FRANCO ANGELI

anno edizione: 2019

pagine: 232

Alpi, clima, meteorologia. È da questi termini che bisogna partire per scoprire le relazioni tra ambiente alpino, uomo e variabili climatiche nel corso del tempo. L'arco cronologico di riferimento va dal Medioevo alla Prima guerra mondiale con accenni anche all'età antica. Uno sguardo a volo di uccello con l'obiettivo di fornire spunti mirati per un quadro d'insieme sull'emergere della questione climatica nel contesto alpino. L'attraversamento delle Alpi da parte di Annibale costituisce il punto di partenza per inoltrarsi in un percorso plurisecolare di approccio alle terre alte che, fattosi più intenso nei secoli del basso Medioevo, diviene essenziale per comprendere la storia dell'Europa a partire dal Cinquecento. Dopo una riflessione sulle dinamiche caratterizzanti la scoperta delle Alpi dal punto di vista ambientale, meteorologico e climatico attuata nel Seicento, la narrazione indaga la ridefinizione del mondo della montagna attuata dai philosophes settecenteschi e dai tecnici militari napoleonici e austriaci. Per poi proseguire con un'analisi degli studi prodotti in epoca positivista, con maggiore attenzione all'avvio delle osservazioni meteorologiche sistematiche, alla fondazione degli osservatori lungo tutto l'arco alpino nonché all'azione congiunta di enti nazionali (tra cui il Club Alpino Italiano) e sovranazionali per lo studio del clima. Un ultimo approfondimento tematico analizza la connessione fra Grande guerra e ambiente alpino nella sua accezione prevalentemente climatica.
29,00

Il fiume Oglio. Tra infrastruttura idraulica e giardino

Libro: Libro rilegato

editore: Litos Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 320

30,00

Le zattere del Pianeta Terra. Viaggio tra le zattere terrestri «alla deriva come una classe sgangherata» per comprendere un poco meglio il nostro pianeta

Paolo Monaco

Libro: Libro in brossura

editore: ARACNE

anno edizione: 2019

pagine: 228

Si conclude la trilogia dopo La Geologia spiegata ad una classe sgangherata e I doni di Madre Terra. Il nostro pianeta Terra è geologicamente assai attivo: un enorme numero di "zattere" (placche, in letteratura) si formano e si spezzano di continuo, di fronte a spinte immani. Ogni zattera si è spostata nel tempo anche di centinaia di chilometri e si sposta attualmente di diversi millimetri l'anno, ingenerando fenomeni grandiosi ai margini. Questo terzo libro dunque cerca di descrivere, con una buona dose di umorismo, questo immenso puzzle che tanta importanza ha anche sull'esistenza di miliardi di persone. Il docente si rivolge alla solita classe sgangherata, ma introducendo un elemento di interesse per gli studenti demotivati: l'intervento di esperti internazionali. Alcuni di loro sono realmente esistenti, altri sono totalmente inventati. L'intento è di allargare la platea, coinvolgendo un pubblico più vasto ed eterogeneo per affrontare la dinamica del pianeta Terra, fin dalle epoche geologiche più remote.
15,00

Aqua Himerae. Idrografia antica ed attuale dell'area urbana e del territorio di Termini Imerese (Sicilia centro-settentrionale)

Antonio Contino

Libro: Copertina morbida

editore: Giambra

anno edizione: 2019

pagine: 300

Questo studio analizza nel dettaglio l'idrografia, antica e moderna, dell'area urbana e del territorio di Termini Imerese (Sicilia centro-settentrionale). Il sito investigato, prevalentemente collinare, è ubicato nel settore centro-orientale della provincia di Palermo. Esso rientra nei Monti di Termini Imerese-Trabia, un segmento della catena siciliana, qui costituito da rilievi calcareo-dolomitici e siliceo-calcarei mesozoici, attorniati da depositi terrigeni cenozoici e, nella fascia costiera settentrionale, bordati da depositi marnosi e conglomeratici plio-pleistocenici. Sono tratteggiate le principali tappe dell'evoluzione storica e ambientale dell'abitato e del territorio imerese e ricostruita la serie degli eventi idrometeorologici estremi avvenuti negli ultimi 600 anni.
16,00

Zeoliti o setacci molecolari

Konstantinos Triantafyllou

Libro: Libro in brossura

editore: Europa Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 172

Questo libro è un utile supplemento alla teoria e all'applicazione delle zeoliti o setacci molecolari, che sono già note da molti anni e sfruttate come catalizzatori e adsorbenti. Le applicazioni di questi sistemi sono possibili in diverse aree della chimica, come la separazione e la catalisi.
14,90

Analisi dei fattori predisponenti l'erosione delle spiagge e le inondazioni fluviali in alcune aree del Lazio

Ilaria Falconi

Libro: Libro in brossura

editore: ILMIOLIBRO SELF PUBLISHING

anno edizione: 2019

pagine: 96

Lo studio tratta dei fattori di vulnerabilità territoriale, ovvero delle cause di origine antropica che contribuiscono a incrementare i livelli di rischio presenti sul territorio. In particolare sono stati analizzati, come casi studio, la spiaggia di Fontania (Gaeta - Lt) e il basso tratto del fiume Aniene da Tivoli a Ponte Salario (Roma). Il progetto che ho inteso realizzare si compone: di una parte introduttiva che descrive i siti analizzati e il territorio circostante; a seguire, dello studio dei relativi aspetti geomorfologici, climatici e vegetazionali, nonché delle problematiche riguardanti i fenomeni di instabilità. Nella conclusione il progetto analizza e propone soluzioni di ingegneria naturalistica, quindi, di basso impatto ambientale ed economico, utili per mitigare le instabilità rilevate e il conseguente rischio idrogeologico, che, purtroppo negli ultimi tempi ha interessato tragicamente il nostro Paese.
21,50

L'origine delle Dolomiti

Michael Wachtler

Libro

editore: DoloMythos

anno edizione: 2019

pagine: 240

34,90

Le acque del Friuli Venezia Giulia. Inquadramento idrologico

Mario Martinis

Libro: Copertina morbida

editore: RIBIS

anno edizione: 2019

pagine: 352

34,00

Meteo d'altri tempi

Rita Cristina Manfro

Libro: Copertina rigida

editore: Atene del Canavese

anno edizione: 2019

pagine: 256

"Dall'antichità, l'uomo è affascinato dai fenomeni meteorologici, attribuiti alle divinità irate o capricciose, che cercava di mitigare con sacrifici e offerte. Fino al Medioevo le previsioni si elaboravano osservando i pianeti e le stelle, con istruzioni utili per eserciti, marinai e agricoltori. Dal Rinascimento, grazie a grandi viaggi in nave e a studiosi come Leonardo, Galilei, Torricelli la meteorologia si sviluppa in maniera più scientifica. La sconfitta di alcune grandi battaglie poi, a causa dei fenomeni atmosferici avversi, ha spinto la ricerca alla creazione dei primi servizi di previsione meteorologica. Solo nel '900 grazie a nuovi strumenti e a nuove scoperte scientifiche si riusciranno ad elaborare previsioni meteo, con discreto margine di attendibilità. Ma come venivano percepite le manifestazioni del tempo dalle genti di montagna? L'obiettivo della ricerca è stato quello di testimoniare come i montanari cercassero di fare le previsioni del tempo, osservando attentamente i segnali che la natura ancora oggi fornisce. (Prefazione di Andrea Giuliacci)
20,00

Il clima di Luzzi. Le quattro stagioni

Rosario Pingitore

Libro

editore: PELLEGRINI

anno edizione: 2019

pagine: 176

«Il fenomeno meteorologico che, più di ogni altro, ha sempre fatto accostare, in senso peggiorativo, il clima della Valle del Crati, e quindi anche quello di Luzzi, a condizioni tipiche delle zone interne più fredde è la neve. A causa della sua presenza quasi annuale possiamo definire il nostro clima come quello delle "quattro stagioni", poiché la neve contraddistingue e caratterizza gli inverni in modo più deciso rispetto alle altre meteore.»
20,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.