Il tuo browser non supporta JavaScript!

Scienza, ingegneria e tecnologia ambientale

Gli acquedotti di Praeneste

Luigi Casciotti

Libro: Libro in brossura

editore: ARGALIA

anno edizione: 2013

20,00

Tecnologia LIDAR per il settor forestale

Libro

editore: COMPAGNIA DELLE FORESTE

anno edizione: 2013

pagine: 78

Raccolta di contributi dedicati alla conoscenza ed alle applicazioni della tecnologia Light Detection and Ranging (LiDAR) al settore forestale. Un escursus cronologico con il quale si vuole evidenziare come questa tecnologia abbia, nel corso degli ultimi anni, preso piede anche in tale settore, a supporto di tutte quelle situazioni che, per fini gestionali e pianificatori, necessitano di informazioni rapide, standardizzate e se possibile meno costose sui soprassuoli boscati. Lo scopo è quello di presentare in modo corretto e semplice tale tecnologia, le strumentazioni, i prodotti e le sue potenzialità per un uso intelligente ed efficace di questi nuovi strumenti di lavoro, che vanno conosciuti per comprenderne i funzionamento e i possibili campi di applicazione.
15,00

Tecniche per la difesa dall'inquinamento 34° corso

Libro

editore: EDIBIOS

anno edizione: 2013

pagine: 760

36,00

Casa sicura

Daniele F. Bignami

Libro

editore: Maggioli Editore

anno edizione: 2012

pagine: 211

Aumentare la sicurezza del territorio e del patrimonio costruito è l'obiettivo della Certificazione della predisposizione di resistenza degli edifici ai disastri (CE.P.R.E.D.). Essa realizza una strategia basata su di un processo di valutazione multi-rischio delle diverse tipologie di calamità che possono colpire il nostro paese, agendo alle scale di area vasta, urbana e dell'edificio. Non si tratta solo di un'anticipazione, ma di un futuro alla nostra portata. La ricerca indaga in tutti i suoi aspetti la possibilità di un salto tecnico e culturale verso un obiettivo raggiungibile e dimostra che una certificazione sul rischio disastri per gli edifici si può fare con tecniche non invasive e spese relativamente contenute. Il passaggio ad applicazioni a una scala maggiore, non solo a carattere sperimentale, in un contesto in grado di recepirne le potenzialità di lungo periodo, diviene possibile. Il testo non è ancora il manuale tecnico operativo della certificazione, ma un saggio che presenta un corpo di riflessioni e risultati, che mirano a produrre esiti utili a migliorare le prassi edilizie e di pianificazione urbanistica territoriale e ambientale. L'obiettivo è quello incidere sulle iniziative pubbliche e private di corretta e prudente gestione del territorio, in un'ottica di protezione civile e di difesa della ricchezza accumulata negli edifici. L'intento disciplinare è quello di integrare conoscenze e problematiche per offrire esiti che rappresentino soluzioni innovative.
15,00

Il processo depurativo a letto mobile (MBBR)

Libro: Copertina morbida

editore: TECNICHE NUOVE

anno edizione: 2012

pagine: 208

Il volume tratta la tecnologia depurativa per le acque reflue basata sull'azione di biomassa adesa a corpi di riempimento in materiale plastico che si muovono all'interno di vasche simili a quelle degli impianti tradizionali. Il vantaggio principale di questa nuova tecnologia (sviluppata negli anni '90 in Norvegia e che ora si sta diffondendo nel mondo) è la possibilità di depurare i reflui con elevate rese in volumi, pari a circa la metà dei fanghi attivi "classici", quindi con un evidente risparmio di spazio. Questa caratteristica rende i depuratori a letto mobile particolarmente adatti al potenziamento di impianti di depurazione sovraccaricati o che devono rispettare limiti più restrittivi. Il libro illustra le molte possibili applicazioni della tecnologia, partendo dai numerosi lavori di ricerca che ne hanno permesso lo sviluppo e il continuo miglioramento per arrivare alle esperienze su scala reale sia in Italia sia all'estero, compresi gli aspetti più propriamente legati alla biologia del biofilm e alla gestione degli impianti. I destinatari sono le aziende di servizi idrici integrati, aziende che realizzano impianti di depurazione, professionisti, ricercatori universitari, industrie agroalimentari, tessili, cartiere, farmaceutiche che hanno necessità di depurare i propri reflui con un impianto di depurazione interno.
29,90

Water treatment plant design

Libro

editore: McGraw-Hill Education

anno edizione: 2012

177,99

Ingegneria sanitaria-ambientale

Carlo Collivignarelli, Giorgio Bertanza

Libro: Copertina morbida

editore: CittàStudi

anno edizione: 2012

pagine: 476

L'Ingegneria sanitaria-ambientale è una disciplina relativamente recente: ha fatto la sua prima comparsa nelle università italiane alla fine degli anni Sessanta. La materia, inizialmente rivolta allo studio della potabilizzazione delle acque e del trattamento dei liquami di fognatura, ha in seguito accolto nel suo campo di interesse l'inquinamento atmosferico, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e di recente la bonifica dei siti contaminati. In tutti questi settori l'Ingegneria sanitaria-ambientale si occupa delle problematiche connesse alla modellistica, alla pianificazione, alla progettazione, alla gestione ecc. Come rileva Giordano Urbini nella prefazione al volume, la disciplina per lungo tempo è rimasta priva di un manuale che coprisse tutti i campi di studio e che li affrontasse con un equilibrato grado di approfondimento. Ingegneria sanitaria-ambientale si propone come una valida risposta a tale lacuna, grazie ai contributi di docenti specialisti del singolo campo trattato. Il volume è inoltre arricchito di apparati didattici che si propongono come un valido aiuto per la comprensione e l'approfondimento dei contenuti.
35,00

Rifiuti solidi. Progettazione e gestione di impianti per il trattamento e lo smaltimento

Giovanni De Feo, Sabino De Gisi, Maurizio Galasso

Libro: Copertina morbida

editore: FLACCOVIO DARIO

anno edizione: 2012

pagine: 801

Le problematiche relative al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti solidi hanno acquisito nel corso degli ultimi decenni una rilevanza che ormai travalica l'ambito tecnico. La gestione dei residui, di origine urbana e industriale, deve seguire un approccio sistemico, al passo con la crescente domanda di benessere e una maggiore consapevolezza dei danni arrecati all'ambiente dalle pressioni antropiche. La sostenibilità pertanto passa attraverso strategie che indichino come progettare e gestire al meglio gli impianti per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti solidi. Da qui nasce l'esigenza di scrivere il presente volume che, nelle intenzioni degli autori, vuole offrire un contributo concreto a quanti si occupano o si vogliono occupare di rifiuti solidi: progettisti, gestori, consulenti, enti di controllo, studenti, ecc. La presente opera, distinguendosi per l'innovatività dei contenuti, si propone di indirizzare le strategie degli organismi pubblici preposti alla gestione dei rifiuti e stabilendo criteri oggettivi per la delicata fase della localizzazione degli impianti.
72,00

Professione autospurghista. Dal pronto intervento alla gestione dei rifiuti

Nicola Giovanni Grillo

Libro: Copertina morbida

editore: Geva

anno edizione: 2012

pagine: 160

Professione autospurghista? Sì, perché di una professione si tratta e non solamente di un mestiere. Egli svolge, infatti, un'attività assai complessa il cui espletamento, oltre che richiedere esperienza e una varietà di competenze specifiche, necessita anche della conoscenza di normative, di adempimenti amministrativi periodici e di tecniche e modalità di intervento in continua evoluzione. Molteplici sono anche i servizi ed i settori di intervento nei quali l'autospurghista è chiamato ad operare, spesso anche in condizioni imprevedibili e in situazione d'emergenza, che non consentono approfondimenti preventivi. Conseguentemente, vari ed imprevedibili sono i rischi a cui il personale incaricato viene esposto, benché esso sia ben formato e qualificato. Attività come stasamento di reti fognarie, svuotamento di pozzi neri, sanificazione periodica di fosse biologiche, video-ispezione, ricerca e diagnostica di guasti, ricostruzione non distruttiva di tubazioni, bonifica ambientale, gestione dei rifiuti, etc., richiedono l'utilizzo di apparecchiature sofisticate e costose. Operare in tali ambiti è, dunque, un lavoro di alta responsabilità. Il testo si propone di affrontare, analizzare a fondo e fornire tutte le informazioni necessarie per ben svolgere una così articolata e delicata attività. Ampio spazio è dato all'individuazione e spiegazione delle norme di interesse, agli adempimenti necessari ed alle modalità di intervento per garantire la sicurezza dei lavoratori impiegati.
24,00

Difesa delle coste e ingegneria naturalistica. Manuale di ripristino degli habitat lagunari, dunari, litoranei e marini

Federico Boccalaro

Libro

editore: FLACCOVIO DARIO

anno edizione: 2012

pagine: 577

Questo manuale ripercorre l'esperienza di lavoro dell'autore nel settore della difesa del corpo stradale e descrive i nuovi metodi di tutela delle coste (territorio) che interessano gli habitat lagunari, dunali, litoranei e marini della penisola italiana, e più in generale dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, esaminando l'evoluzione costiera proprio per consentire all'operatore di ingegneria naturalistica la migliore scelta tecnica per la difesa costiera. Oggi si cerca di ridurre l'impatto ambientale delle opere, ricorrendo a strutture più flessibili, leggere e, soprattutto, rinverdibili, con l'obiettivo di coniugare maggiormente sicurezza delle persone, salvaguardia degli ambienti naturali e tutela del paesaggio e del territorio. L'ingegneria naturalistica costituisce lo strumento operativo per raggiungere questo obiettivo. Questo libro cerca di rappresentare tutti quegli aspetti (ecologici, progettuali, costruttivi, ispettivi, qualitativi, manutentivi) degli interventi per la difesa delle coste nella duplice funzione di protezione dal dissesto idrogeologico e di salvaguardia dell'ambiente.
68,00

Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis

Libro: Libro in brossura

editore: ARACNE

anno edizione: 2012

pagine: 160

Il lavoro è dedicato alla illustrazione di nuovi metodi elettrochimici e elettronici utilizzabili nel campo del restauro e della conservazione dei beni ambientali. In ambito elettrochimico si propongono due sistemi: il primo utilizza come parametro di valutazione dell'aggressività ambientale per i monumenti il livello di acidità della condensa d'acqua ambientale, il secondo utilizza il metodo della elettrosmosi inversa. In ambito elettronico si propone un sistema volto ad ottenere immagini digitali ad altissima risoluzione in grado di rilevare a distanza e automaticamente il degrado di un manufatto o di un opera d'arte. Di tutti i sistemi sono analizzati in dettaglio gli aspetti legati alla chimica, alla fisica, all'elettronica e all'elettrochimica di base per giungere allo sviluppo, per ciascuno di essi, di un prototipo funzionante utilizzato in varie campagne di misura in modo da ottenere una convalida sperimentale oltre che teorica dei sistemi proposti e verificare l'ingegnerizzazione dei modelli. Parte integrante di ciascun sistema è la componentistica digitale dedicata all'acquisizione ed elaborazione automatica dei dati.
11,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.