Il tuo browser non supporta JavaScript!

Altre branche della medicina

La meraviglia e la trasformazione verso una salute circolare

Ilaria Capua

Libro: Copertina rigida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2021

pagine: 216

Le pandemie sono grandi eventi trasformazionali. Si abbattono su sistemi che si credono consolidati, aprendo crepe e facendo tremare tutto. Destabilizzano, insomma. Suscitano un sentimento ambivalente: paura e incertezza da una parte, ma anche meraviglia, perché all'interno delle loro pieghe ci sono enormi opportunità. Di comprensione del mondo, di aggiornamento del nostro modo di relazionarci a esso. Secondo Ilaria Capua, una delle voci più autorevoli della virologia internazionale, siamo quindi nella posizione giusta per disegnare un nuovo equilibrio, che tenga conto del fatto che non siamo soli all'interno del sistema chiuso in cui ci troviamo, ma insieme ad altri coinquilini. La pandemia da SARS-CoV-2 ci ha ricordato che siamo vulnerabili, proprio come lo eravamo secoli fa, e che il bene unico, essenziale e imprescindibile del quale non possiamo assolutamente fare a meno come società evoluta è la salute. Che è una soltanto: quella del sistema in cui tutti quanti - esseri umani, animali, piante - siamo immersi. La salute è come una linfa che scorre e ci attraversa tutti: se vogliamo tutelare noi stessi, quindi, dobbiamo considerare il sistema, perché la salute di "Homo sapiens" dipenderà anche da quella delle popolazioni di animali e da quella dell'ambiente. «La strada che sceglieremo ora definirà il mondo nel quale vivranno i nostri figli, i nostri nipoti» scrive l'autrice. «Possiamo scegliere di perseguire ancora modelli di sviluppo palesemente dannosi per il sistema, salute compresa, oppure comprendere finalmente che quanto è dannoso per il pianeta è dannoso anche per noi e che, quindi, se vogliamo sopravvivere, dobbiamo promuovere un mondo più sostenibile. Possiamo iniziare sin da subito, cominciando a esercitare con impegno vero il rispetto e l'equità che finora ci sono mancati. Oppure possiamo aspettare fino alla prossima pandemia».
18,00

Disturbi del linguaggio e disprassia verbale. Inquadramento clinico e principi di valutazione e di intervento

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2021

pagine: 272

Il volume, rivolto specificamente agli operatori logopedisti, ma anche a tutte le figure professionali componenti l'équipe per i disturbi del neurosviluppo (neuropsichiatri, neuropsicologi, psicologi, foniatri, neuropsicomotricisti, insegnanti ecc.), è frutto di riflessioni scaturite da una lunga esperienza nell'ambito della clinica e soprattutto della terapia dei disturbi del linguaggio (DSL), dell'apprendimento (DSA) e della sfera motorio-prassica (DCD). Nell'ultimo ventennio sono avvenuti molti cambiamenti nel campo della ricerca, sia in ambito neuropsicologico sia neuroscientifico, cambiamenti che ci hanno indotto a ripensare la metodologia di analisi e, quindi, di intervento. Abbiamo potuto verificare come alcune intuizioni cliniche, scaturite da anni di lavoro svolto nel settore della riabilitazione, abbiano avuto conferma da importanti ricerche in ambito neuroscientifico. Gli autori del libro hanno all'attivo anni di impegno nelle metodologie riabilitative per l'età evolutiva e hanno offerto un notevole contributo alle più recenti sperimentazioni sulla valutazione e sul trattamento dei deficit comunicativi-linguistici e motorioprassici.
27,00

Il grande impostore. La missione segreta che ha cambiato la nostra idea di malattia mentale

Susannah Cahalan

Libro: Copertina morbida

editore: Codice

anno edizione: 2021

pagine: 417

Nel 1973 un articolo pubblicato su "Science" da David Rosenhan,psicologo di Stanford, scatenò una vera e propria tempesta nel mondo della psichiatria. Rosenhan e altri sette "pseudopazienti" si erano fatti ricoverare sotto falso nome in alcuni istituti psichiatrici, simulando disturbi mentali, per dimostrare che i dottori non avrebbero saputo oggettivamente distinguere la follia dalla sanità mentale. Lo studio segnò una pietra miliare e portò alla chiusura di molte strutture. Non mancarono le critiche, però, e molti fecero notare che l'intera vicenda presentava molte ombre. Cos'era successo davvero dentro quegli ospedali? Susannah Cahalan, che ha vissuto sulla propria pelle le conseguenze di una diagnosi psichiatrica sbagliata, ricostruisce la storia dell'esperimento di Rosenhan, scoprendo una verità inaspettata e svelando diverse criticità della psichiatria degli anni Settanta.
29,00

Dopo la violenza. Lo stupro e la ricostruzione del sé

Susan J. Brison

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2021

pagine: 227

La mattina del 4 luglio 1990, durante una passeggiata nel sud della Francia, Susan J. Brison viene aggredita senza preavviso, massacrata di botte, stuprata, strangolata fino a perdere conoscenza e, creduta morta, abbandonata nel bosco teatro della violenza. Sopravvissuta e curata, il suo mondo è però stato distrutto. Filosofa per formazione si accorge che la sua specializzazione non poteva aiutarla a dare un senso a ciò che le era accaduto, e che molti dei presupposti fondamentali sulla natura del sé e sull'ambiente che la circonda devono essere ripensati daccapo. Al tempo stesso memoir di un percorso di guarigione e un'esplorazione filosofica del trauma, questo saggio esamina la distruzione e il rifacimento di un sé all'indomani della violenza. Esplora, da una prospettiva interdisciplinare, memoria e verità, identità e sé, autonomia e comunità. Offre un accesso all'esperienza di una sopravvissuta a uno stupro, nonché riflessioni critiche riguardanti una società in cui le donne abitualmente temono e subiscono violenza sessuale. Se il trauma sconvolge la memoria, separa il passato dal presente e rende incapaci di immaginare un futuro, l'atto di testimoniare, sostiene Brison, facilita il recupero integrando l'esperienza nella storia della vita del sopravvissuto.
19,50

La guarigione infinita. Storia clinica di Aby Warburg

Ludwig Binswanger, Aby Warburg

Libro: Copertina morbida

editore: Neri Pozza

anno edizione: 2021

pagine: 304

Dall'aprile 1921 all'agosto 1924, Aby Warburg, il geniale inventore di una nuova scienza delle immagini, fu ricoverato a Kreuzlingen nella casa di cura diretta da Ludwig Binswanger, lo psichiatra che doveva rinnovare profondamente l'approccio al problema della malattia mentale. Finora, di questi tre anni decisivi, tanto per la biografia di Warburg che per quella di Binswanger, non si sapeva altro se non che Warburg aveva provato a un certo punto la sua guarigione, tenendo ai pazienti della clinica la celebre conferenza sul Rituale del serpente. Questo libro pubblica in prima mondiale non soltanto la cartella clinica che Binswanger redasse giornalmente sullo stato del suo straordinario paziente, ma anche i testi autobiografici di Warburg relativi al soggiorno a Kreuzlingen e l'epistolario fra i due autori, che stabilirono un importante scambio intellettuale all'insegna dell'idea e dell'esperienza di una «guarigione infinita». Una testimonianza sull'incontro fra due grandi protagonisti della cultura del Novecento.
18,00

Diagnostica per immagini ospedaliera. Tecnologia e progetto

Amelia Mutti, Raffaela Bucci, Daniela Pedrini

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2021

pagine: 124

Il volume, in linea con gli obiettivi della serie, è rivolto principalmente ai responsabili di aree tecniche delle aziende, alle direzioni sanitarie, ai professionisti e agli operatori del settore e si propone come un manuale operativo specifico dedicato a un'area funzionale del sistema ospedale in continua trasformazione. Dopo aver esaminato le caratteristiche delle diverse tecnologie diagnostiche e la loro evoluzione storica, il libro tratta in modo particolare la diagnostica per immagini di base, o rendo indicazioni progettuali per la strutturazione e il dimensionamento dell'area nelle diverse strutture ospedaliere (presidi base, Dipartimento d'emergenza e accettazione di 1° e 2° livello). Il testo fornisce così informazioni sistematiche e strumenti per poter affrontare le problematiche di un'area ad alto livello di complessità. Con il contributo di Manuela Spanò. Presentazione di Marina Cerbo.
18,00

Il lento sviluppo del linguaggio. Inquadramento teorico e modalità operative

Serena Bonifacio

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2021

pagine: 256

L'espressione "linguaggio a lenta emergenza" (LLE) descrive una condizione che ha come punto focale lo sviluppo più rallentato del vocabolario espressivo rispetto allo sviluppo tipico nel secondo anno di vita. Tale ritardo può essere associato anche a una immaturità nel linguaggio ricettivo, in assenza di deficit cognitivi, neurologici, sensoriali, relazionali. Il volume illustra ampiamente i diversi profili di sviluppo dei Late Talkers anche in rapporto ai fattori di rischio/protezione e agli esiti. Offre una sistematizzazione degli argomenti teorici e delle pratiche operative nell'ambito del primo colloquio logopedico con i genitori, in un'ottica professionalizzante con esemplificazioni di casi clinici. Il testo è rivolto a logopedisti e altri professionisti sanitari e a tutti coloro che sono interessati al tema e si configura come uno strumento utile alla comprensione e al ragionamento sulla complessità dell'argomento.
23,00

L'origine del virus. Le verità tenute nascoste che hanno ucciso milioni di persone

Paolo Barnard, Angus Dalgleish, Steven Quay

Libro: Copertina morbida

editore: Chiarelettere

anno edizione: 2021

pagine: 176

L'estrema letalità del COVID-19, nato in laboratorio, era nota alla Cina con largo anticipo. Anche in occidente qualcuno sapeva. La denuncia di due tra i più importanti ricercatori internazionali, coadiuvati da Paolo Barnard. "È assai probabile che la virologa cinese Zheng-Li Shi avrebbe salvato innumerevoli vite, se solo avesse rivelato alla comunità scientifica di aver scoperto un'arma letale nel COVID-19" (Steven Quay). "Perché insabbiamenti e depistaggi? Perché l'OMS ha mentito? E perché a causa di ciò milioni di persone sono dovute morire? Senza risposte a domande così drammatiche, la catastrofe della pandemia è destinata a ripetersi" (Angus Dalgleish). "C'è stato un complotto per attaccare i critici dell'origine naturale come complottisti" ("British Medical Journal"). In una ricostruzione inquietante, due tra i più importanti ricercatori internazionali svelano i letali segreti biologici del coronavirus, causa del COVID-19, che erano già noti ai virologi di Wuhan e ai loro amministratori politici nei primi giorni del contagio in Cina. Saranno poi coperti da un muro di reticenza e conflitti d'interesse, complici alcuni settori pubblici americani e gran parte dei media, anche scientifici. Steven Quay e Angus Dalgleish sono stati coordinati da Paolo Barnard in una ricerca che fin dalle prime ore del disastro ha fatto emergere verità sempre più allarmanti. Il nuovo virus ha infatti caratteristiche di aggressività anomale ed estremamente patogene che sono state ottenute tramite tecniche di manipolazione genetica in laboratorio, per questo ammala e uccide in modi così devastanti. Se queste verità fossero venute fuori subito, sarebbero state prese misure ben più drastiche quando ancora i numeri della pandemia erano contenibili e si sarebbero salvate innumerevoli vite umane. Insabbiamenti sostenuti da interessi economici e politici, invece, hanno imposto una versione fasulla, che andava bene innanzitutto ai cinesi, ma anche agli americani che li avevano finanziati per condurre sperimentazioni genetiche scellerate e prive di adeguate misure di sicurezza. Le verità faticosamente venute alla luce ed esposte in questo libro possano servire a prevenire nuove catastrofi, che altrimenti saranno inevitabili, e a fornire una risposta al perché la scienza non abbia potuto almeno limitare questa immane tragedia. 
14,90

Una stanza tutta per me. Manuale di psicoterapia psicoanalitica dell'adolescente

Libro: Copertina rigida

editore: MIMESIS

anno edizione: 2021

pagine: 622

L'adolescenza è sempre stata vista come un'età problematica, portatrice di conflitti a volte violenti e difficilmente governabili. Al Centro Milanese di Psicoanalisi si è costituito da molti anni un gruppo di analisti interessati a prendere privatamente in cura adolescenti con difficoltà economiche, collocati in comunità o provenienti da famiglie multiproblematiche. Il gruppo si pone come obiettivo la ricerca. Una ricerca che parte dalla necessità di uscire dal territorio "classico" e avventurarsi in un territorio impervio e sconosciuto "alla periferia dell'analizzabile", ma ricco di aperture su nuovi scenari. In tale contesto la competenza psicoanalitica può essere spinta verso nuove declinazioni. Questa esplorazione di frontiera ha ricadute importanti sulla tecnica dell'analisi, non solo degli adolescenti. È di Giuseppe Pellizzari l'idea originaria di pubblicare sotto forma di manuale i frutti del lavoro del gruppo da lui voluto e a lungo coordinato, per proporre quello che si è imparato, rendendolo fruibile, grazie ai numerosi esempi clinici, per tutti gli operatori che, specie nelle strutture pubbliche, si trovano a fronteggiare quella che appare come un'emergenza difficile e complessa. Nello stesso tempo è parso opportuno proporre anche le problematiche tecniche e teoriche che si incontrano inoltrandosi in questi territori periferici e marginali, ma tali da costituire il futuro della psicoanalisi stessa.
39,00
48,00

Gestione respiratoria in era Covid-19

Fausto D'agostino, Mirco Leo, Benedetta Savarese

Libro

editore: Nld Concorsi

anno edizione: 2021

pagine: 105

L'infezione da Sars-CoV2 si è abbattuta sui sistemi sanitari di tutto il mondo con notevoli implicazioni economiche e sociali. Mentre la comunità scientifica acquisisce e scambia importanti informazioni sulla lotta al virus, l'ossigenoterapia somministrata anche tramite presidi di ventilazione non invasiva rimane il cardine centrale su cui ruota la gestione della maggior parte dei pazienti ospedalizzati affetti da Covid-19.Il numero insufficiente di personale sanitario, esperto nell'utilizzo di tali presidi nella maggior parte dei paesi colpiti, ha comportato il necessario coinvolgimento nella gestione dei pazienti con distress respiratorio di figure professionali che mai in precedenza hanno fatto uso di tali strumenti. Inoltre, il consumo intensivo e l'esaurimento di alcuni tipi di dispositivi monouso di ventilazione, ha costretto le aziende ospedaliere ad aumentare la varietà dei presidi a disposizione rendendo necessario l'aggiornamento del personale anche più esperto. Questo manuale/libro si propone come semplice guida/supporto alle scelte terapeutiche e all'assemblaggio di cannule nasali, caschi e maschere per erogare assistenza respiratoria da parte di medici ed infermieri chiamati in prima linea a contenere la pandemia in ambito, intra ed extra ospedaliero. Con contributi di: Eros Aniballi - Raffaele Antonelli Incalzi - Luca Blesi - Fausto D'Agostino - Claudio Ferri - Cristina Geraci - Mirco Leo - Yaroslava Longhitano - Mario Mezzapesa - Edoardo Piervincenzi - Fabrizio Racca - Benedetta Savarese - Martina Taverna - Christian Zanza.
25,00

Ro DBT. Skills training. Ediz. italiana

Thomas R. Lynch

Libro: Copertina morbida

editore: ERICKSON

anno edizione: 2021

pagine: 550

La Radically Open Dialectical Behavior Therapy (RO DBT) è un innovativo approccio transdiagnostico per il trattamento dei pazienti che soffrono di disturbi caratterizzati da un eccessivo autocontrollo o ipercontrollo, come l'anoressia nervosa, la depressione cronica, il disturbo ossessivocompulsivo di personalità, il perfezionismo clinico e l'ansia resistente. RO DBT skills training, manuale completo operativo per gli psicologi e psicoterapeuti, presenta 30 lezioni, che corrispondono al training di 30 settimane. Il training comprende: 30 lezioni per apprendere le abilità di RO DBT; più di 70 schede pratiche; più di 30 fogli di lavoro; le linee guida cliniche per la valutazione, l'identificazione degli obiettivi e l'intervento. L'atteggiamento terapeutico nella RO DBT Piuttosto che focalizzarsi su ciò che c'è di sbagliato nei perfezionisti iperfocalizzati sui dettagli che tendono a vedere errori ovunque (ovvero, i pazienti ipercontrollati), la Radically Open Dialectical Behavior Therapy inizia dall'osservare ciò che è salutare (in ognuno di noi) e poi utilizza questo elemento per guidare gli interventi di trattamento. Nella RO DBT si ipotizza che la salute psicologica, o benessere psicologico, coinvolga tre caratteristiche fondamentali e interagenti: la ricettività e l'apertura a nuove esperienze e a feedback contrastanti, al fine di apprendere; il controllo flessibile, utile per adattarsi alle mutevoli condizioni ambientali; l'intimità e la connessione sociale (con almeno un'altra persona), sulla base della premessa che la sopravvivenza della specie richiede la capacità di stabilire legami duraturi e di lavorare in gruppi o tribù. L'idea fondamentale è che i pazienti ipercontrollati abbiano maggiori probabilità di trarre beneficio da trattamenti che privilegiano il valore della ricerca del piacere, del lasciar andare il controllo e dell'unirsi agli altri rispetto ad approcci che danno priorità alla regolazione delle emozioni, al non evitamento, alla correzione dei deficit e alla tolleranza del disagio per poter raggiungere obiettivi a lungo termine.
39,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento