Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Raffaello Lupi

Manuale di evasione fiscale. Conoscerla per contrastarla

Raffaello Lupi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2020

pagine: 89

L'evasione fiscale e un tema di profonda contrapposizione politica, in cui la passione polemica rischia di mettere in secondo piano l'analisi puntuale del problema e ogni tentativo di soluzione. Spiegare l'evasione riducendola solo a un comportamento disonesto dei contribuenti è, infatti, dannoso per tutti (uffici tributari, aziende, professionisti) e allontana dalla questione centrale: la sperequazione tra chi ha redditi facilmente determinabili e chi più sfuggenti, fiscalmente "meno visibili". La diversa determinabilità delle basi imponibili è il punto di partenza di questo "Manuale di evasione fiscale" che, dopo aver analizzato le prospettive con cui il fenomeno viene trattato nel dibattito pubblico, ipotizza possibili rimedi.
16,00

Compendio di scienza delle finanze

Raffaello Lupi

Libro: Copertina morbida

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2019

pagine: 206

La scienza delle finanze, chiamata anche dagli economisti "economia pubblica", è un punto di incontro tra "pubblico" e "privato", o se si preferisce tra "mercato" e "Stato". A questo fine, senza definizioni nozionistiche né ostici schemi matematici, il volume contestualizza i concetti chiave del ragionamento economico-sociale. A partire dal sistema produttivo, dalle sue millenarie radici agricolo-artigianali, all'attuale produzione di serie attraverso le "aziende tecnologiche". L'intervento pubblico viene ordinato per settori, quantificato e combinato con le grandezze di contabilità pubblica (ad es. PIL), le banche, i mercati finanziari, la moneta, l'inflazione, il finanziamento del settore pubblico, i condizionamenti europei e l'Euro, la globalizzazione, il debito pubblico e lo spread e molto altro. La trattazione snella, e al tempo stesso organica, aggiornata al recente provvedimento del reddito di cittadinanza, consente di mettere a fuoco aspetti fondamentali del dibattito pubblico.
21,00

Evasione fiscale. Perversione privata o disfunzione pubblica?

Raffaello Lupi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2018

pagine: 91

I dati indicano chiaramente che oggi gli imponibili fiscali sono determinati in massima parte mediante uffici contabili di organizzazioni pubbliche e private; questa "tassazione attraverso le aziende" colpisce i fornitori, i clienti, i risparmiatori, persino i soci, oltre che le aziende stesse, in una vera e propria esternalizzazione della funzione tributaria, denominata "autotassazione". Questo sistema è però inutilizzabile dove tali uffici contabili mancano, come nel piccolo commercio o nell'artigianato, oppure sono facilmente scavalcabili dalla proprietà familiare delle aziende. In questi casi la "perequazione tributaria" passa quindi attraverso il recupero della tradizionale stima degli imponibili da parte degli uffici tributari. L'opinione pubblica e le classi dirigenti devono quindi capire la necessità di coordinare i criteri di determinazione della ricchezza, accantonando strumentalizzazioni politiche cui sono paradossalmente riconducibili evasioni, vessazioni, inefficienze e complicazioni. Spiegare con chiarezza la determinazione degli imponibili come funzione pubblica, come questo libro cerca di fare, è una precondizione per l'equità fiscale e la serenità sociale sul tema. Nasce così la fuorviante figura dell'"evasore congenito", una specie di nemico del popolo, come un untore di manzoniana memoria.
14,50

Compendio di diritto tributario

Raffaello Lupi

Libro: Libro in brossura

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2017

pagine: 302

Questo compendio non è un sunto di legislazione, giurisprudenza e altri "materiali normativi", ma una spiegazione d'insieme della funzione pubblica di determinazione dei tributi, in massima parte relativa alla base di commisurazione delle imposte (tasse, contributi e tariffe si inseriscono invece in altre funzioni pubbliche). Alla tradizionale determinazione valutativa degli imponibili da parte di pubblici uffici o corpi sociali intermedi, si è affiancata negli ultimi decenni la determinazione ragionieristica da parte delle organizzazioni, soprattutto aziendali. C'è stata quindi una esternalizzazione della funzione tributaria, col gettito in massima parte riconducibile infatti agli uffici amministrativi delle aziende, che tassano consumatori, lavoratori, professionisti e risparmiatori, oltre che l'azienda stessa, a fronte dei redditi spettanti ai relativi proprietari. Questa esternalizzazione della tassazione rispetto agli uffici tributari lascia però sguarnita la ricchezza non raggiunta dalle aziende, con sperequazioni, sospetti e lacerazioni sociali collegate in realtà alla mancata spiegazione d'insieme della funzione tributaria, cui questo volume cerca di supplire. Questo filo conduttore del compendio è una nuova prospettiva per esaminare e coordinare i tradizionali argomenti del diritto tributario, dalle fonti normative ai poteri amministrativi, al contenzioso, all'interpretazione, alle sanzioni, ai soggetti passivi, ed ai concetti strutturali dei singoli tributi.
24,00

Diritto amministrativo dei tributi. Ovvero: le imposte si pagano quando qualcuno le impone

Raffaello Lupi

Libro: Libro in brossura

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2017

pagine: 512

L'imposta si è sempre chiamata così perché un ufficio, investito di poteri pubblici, ne imponeva il pagamento, senza alcuna specifica controprestazione. L'odierna crisi tributaria dipende proprio dall'estromissione dei pubblici uffici dai principali circuiti del gettito, affidati, loro malgrado, agli uffici di organizzazioni, pubbliche e private, che determinano contabilmente gli imponibili, anche delle loro controparti. Questo metodo è però inefficace per il lavoro indipendente e le piccole organizzazioni "padronali" rivolte al consumo finale, dove restano necessari gli uffici tributari, col loro tradizionale intervento valutativo. Il coordinamento tra queste due modalità di determinare i tributi, filo conduttore del libro, costituisce anche un'indicazione metodologica più generale sul diritto come studio sociale di pubblici uffici, delegati dalla politica, ma autonomi, operanti fuori mercato e soggetti a una vaga supervisione della pubblica opinione.
47,00

Compendio di scienza delle finanze

Raffaello Lupi

Libro: Copertina morbida

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2017

pagine: 176

La scienza delle finanze, chiamata anche dagli economisti "economia pubblica", è un punto di incontro tra "pubblico" e "privato", o se si preferisce tra "mercato" e "stato". Questo ne giustifica la presenza e l'importanza nei concorsi per il reclutamento di chi dovrà, in prospettiva, gestire i rapporti dei pubblici uffici con l'economia. A questo fine, senza definizioni nozionistiche né ostici schemi matematici, il volume contestualizza i concetti chiave del ragionamento economico-sociale. A partire dal sistema produttivo, dalle sue millenarie radici agricolo-artigianali, all'attuale produzione di serie attraverso le "aziende tecnologiche". Di queste ultime il volume cerca di superare la concezione antropomorfica, legata a un bagaglio culturale preindustriale, esteso purtroppo ai pubblici uffici nel dibattito politico-mediatico. Sia aziende sia pubblici uffici sono invece organizzazioni pluripersonali, di cui il testo spiega le caratteristiche, le rigidità, le similitudini, le diversità, i rapporti reciproci, nonché quelli con la politica e la pubblica opinione. L'intervento pubblico viene ordinato per settori, quantificato e combinato con le grandezze di contabilità pubblica (ad es. PIL), le banche, i mercati finanziari, la moneta, l'inflazione, il finanziamento del settore pubblico, i condizionamenti europei e l'Euro, la globalizzazione, il debito pubblico e lo spread e molto altro. La trattazione snella, e al tempo stesso organica, consente di mettere a fuoco aspetti fondamentali del dibattito pubblico sui temi suddetti, a cui di frequente l'autore viene invitato a partecipare.
21,00

Codice tributario

Raffaello Lupi

Libro: Copertina morbida

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2016

pagine: 924

Il codice è aggiornato a: D.L. 14 febbraio 2016, n. 18, recante misure urgenti concernenti la riforma delle banche di credito cooperativo, la garanzia sulla cartolarizzazione delle sofferenze, il regime fiscale relativo alle procedure di crisi e la gestione collettiva del risparmio; D.Lgs. 11 febbraio 2016, n. 24, di attuazione delle direttive 2013/42/UE e 2013/43/UE in tema di frodi in materia di IVA e applicazione facoltativa e temporanea del meccanismo dell'inversione contabile a determinate operazioni a rischio frodi.
14,00

Compendio di scienza delle finanze

Raffaello Lupi

Libro: Libro in brossura

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2016

pagine: 173

La scienza delle finanze, chiamata anche dagli economisti "economia pubblica", è un punto di incontro tra "pubblico" e "privato". Questo ne giustifica lo presenza e l'importanza nei concorsi per il reclutamento di chi dovrà, in prospettiva, gestire i rapporti dei pubblici uffici con l'economia. A questo fine, senza definizioni nozionistiche né ostici schemi matematici, il volume contestualizza i concetti chiave del ragionamento economico-sociale. A partire dal sistema produttivo basato sulle "aziende tecnologiche" come organizzazioni pluripersonali, di cui vengono spiegate le caratteristiche, le rigidità, i rapporti con le istituzioni. A queste ultime viene riferita lo spesa pubblica, ordinata per settori, e il tutto viene combinato con le grandezze di contabilità pubblica (ad es. PIL), le banche, i mercati finanziari, lo moneta, l'inflazione, il finanziamento del settore pubblico, i condizionamenti europei e l'Euro, il debito pubblico e lo spread e molto altro. La trattazione snella, e al tempo stesso organica, consente di mettere a fuoco aspetti fondamentali delle società postindustriali e globalizzate.
18,00

Compendio di diritto tributario

Raffaello Lupi

Libro: Libro in brossura

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2016

pagine: 250

Questo "Compendio" non è un sunto di legislazione, giurisprudenza e altri "materiali normativi", ma una spiegazione d'insieme della moderna determinazione dei tributi. Il volume coordina quindi la tradizionale determinazione valutativa della base di commisurazione dei tributi, da parte di pubblici uffici o corpi sociali intermedi, con lo sopravvenuta determinazione ragionieristica da parte delle organizzazioni, soprattutto aziendali. La maggior parte del gettito tributario odierno è riconducibile infatti agli uffici amministrativi delle aziende, che tassano consumatori, lavoratori, professionisti e risparmiatori, oltre che l'azienda stessa, a fronte dei redditi spettanti ai relativi proprietari. Questa esternalizzazione della tassazione rispetto agli uffici tributari lascia però sguarnita la ricchezza non raggiunta dalle aziende, con sperequazioni, sospetti e lacerazioni sociali collegate in realtà alla mancata spiegazione d'insieme della funzione tributaria, cui questo volume cerca di supplire. Questo filo conduttore del compendio è una nuova prospettiva per esaminare e coordinare i tradizionali argomenti del diritto tributario, dalle fonti normative ai poteri amministrativi, al contenzioso, all'interpretazione, alle sanzioni, ai soggetti passivi, ed ai concetti strutturali dei singoli tributi.
22,00

Compendio di diritto tributario

Raffaello Lupi

Libro: Libro in brossura

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2014

22,00

Compendio di scienza delle finanze

Raffaello Lupi

Libro: Libro in brossura

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2013

pagine: 110

In concorsi essenzialmente giuridici, alcuni concetti di economia del settore pubblico sono utili al coordinamento tra economia e diritto. L'economia spiega il consenso economico degli scambi bilaterali e il diritto spiega istituzioni basate sul consenso politico. L'osmosi tra questi due punti di osservazione è però molto forte nella società moderna. Dove le riflessioni economiche, quando non cadono nella formalizzazione "socio matematica", possono aiutare il diritto a liberarsi dall'appiattimento sulla legislazione, che lo rende sempre più incapace di pensare in proprio, contestualizzando i comportamenti delle istituzioni. Poteri pubblici ed iniziativa privata si sovrappongono sempre più spesso nell'"economia pubblica", che per molti versi è giuridica. Non perché studi "la legislazione", ma perché sistematizza l'interazione degli individui e delle aziende con istituzioni pubbliche "non di mercato". Quest'osmosi pervade ormai il sistema produttivo, la spesa pubblica, la moneta, le banche, i mercati finanziari, il debito, l'inflazione, il PIL e concetti che il testo esamina, evitando sovrapposizioni col diverso compendio di diritto tributario dello stesso autore. Pur evitando personalismi, il testo abbandona il faticoso e sterile nozionismo di molti "compendi", in modo che il lettore possa mettere a fuoco aspetti economico-sociali trascurati sia nella formazione in generale sia in quella del giurista.
14,00

Manuale giuridico di scienza delle finanze. Le scienze dell'organizzazione sociale tra economia, politica, aziende e diritto

Raffaello Lupi

Libro: Copertina morbida

editore: Dike Giuridica Editrice

anno edizione: 2012

pagine: 328

L'analisi giuridica sull'organizzazione sociale si appiattisce prevalentemente sulla legislazione e gli altri materiali normativi, oppure sconfina rapidamente in divagazioni ideologico-politiche, spettanti all'opinione pubblica in generale. Questo volume cerca invece di abbandonare questo approccio "legislativo", per analizzare dal punto di vista giuridico i temi affrontati dagli economisti. Il contributo dei giuristi all'interesse generale deve essere più costruttivo invece di addebitare tutte le disfunzioni alle leggi e di invocarne nuove, se è vero come è vero che le nuove leggi finiscono sempre per inviluppare pian piano tutta la società e soprattutto finiscono per deresponsabilizzare la pubblica amministrazione italiana. Quest'ultima, dunque, secondo una delle tesi sostenute in questo volume, può farsi interprete dell'interesse generale solo ricominciando a decidere e a scegliere, comprendendo che il diritto è valutazione, iniziativa, organizzazione. L'organizzazione pubblica assorbe ormai la maggior parte della ricchezza di questo paese e non può continuare a limitarsi alla regolarità formale da una parte e alla buona immagine mediática dall'altra. Anche le strutture pubbliche "fanno servizi" e devono riabituarsi a decidere nell'interesse collettivo, ad assumersi responsabilità, a mettersi in gioco, se si vogliono evitare la disorganizzazione e la paralisi.
30,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.