Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Luigi Pagano

Il direttore. Quarant'anni di lavoro in carcere

Luigi Pagano

Libro

editore: ZOLFO

anno edizione: 2020

pagine: 304

Il carcere Luigi Pagano lo conosce come pochi. Perché ha dedicato un'esistenza intera al superamento della distanza che separa i principi fissati nella Costituzione italiana dalla realtà della detenzione. Il Direttore racconta le nostre prigioni dall'interno, in un viaggio umano e professionale lungo quarant'anni, dal primo incarico a Pianosa negli anni di piombo fino alla nascita del pionieristico "progetto Bollate". In un susseguirsi di destinazioni, Pagano è testimone e protagonista di alcuni momenti chiave della storia e della cronaca nazionale: sorveglia i brigatisti che hanno sequestrato e ucciso Aldo Moro e la sua scorta; al culmine dell'emergenza terrorismo affronta le rivolte che affossano la riforma penitenziaria; vede trucidato Francis Turatello, boss indiscusso della mala milanese; segue l'isolamento all'Asinara, imposto dal presidente della Repubblica Sandro Pertini, di Raffaele Cutolo, capo della Nuova camorra organizzata. Finché dirige San Vittore. Qui, da osservatore privilegiato, assiste al gonfiarsi della piena di Tangentopoli, che trascina con sé politici e manager per nulla avvezzi alle patrie galere. Da questa narrazione scaturiscono riflessioni e una lucida critica sul sistema penitenziario, prefigurando una necessaria trasformazione centrata su inclusione sociale e pene alternative. E mentre il ricordo si distende tra storie personali e aneddoti, l'autore apre le porte di un'istituzione quasi sconosciuta al cittadino comune, e chi legge riesce a cogliere, quasi a respirare, la quotidianità, le contraddizioni e il dolore della vita in cella. Ma non solo, tra una sbarra e l'altra, intravede scorrere il tumultuoso cambiamento di un Paese.
18,00

Vangelo e psiche. Logos che salva e dinamiche relazionali

Luigi De Simone, Gianpaolo Pagano

Libro: Copertina morbida

editore: CANTAGALLI

anno edizione: 2017

pagine: 200

Luigi De Simone (medico e neuropsichiatra) e padre Gianpaolo Pagano (domenicano e biblista) presentano in queste pagine un interessante tentativo di lettura di alcuni episodi della vita di Gesù riportati nei Vangeli (le tentazioni, i miracoli, i talenti, le donne) cercando di tenere insieme il loro dato teologico ed esegetico e il loro possibile apporto alle scienze umane quanto ai risvolti psicodinamici che essi innescano. Le due voci, camminando in parallelo, a volte concordi, altre meno, ricercano sempre il dato di verità racchiuso nel testo che non può che essere sempre un dato di verità sull'uomo e per l'uomo. L'intenzione degli autori dei Vangeli e quella di Gesù qui descritte - la prima studiata dall'esegeta, la seconda approcciata in modo laico dallo psichiatra - offrono uno sguardo più ampio sul panorama cristiano abitato dal Gesù della storia, che passò per le strade di Galilea sanando e guarendo le ferite degli uomini e che è lo stesso Cristo della fede unico e solo salvatore del mondo.
14,50

Il Tegameron di riso

Luigi Pagano

Libro: Copertina morbida

editore: Di Felice Edizioni

anno edizione: 2011

pagine: 46

"Il Tegameron di riso", come recita il titolo, è una scoppiettante raccolta di "calembours" che attinge a più tematiche ed episodi di vita vissuta, estrapolando battute da reinterpretare e contestualizzare ludicamente in situazioni simili e nuove. Un esilarante gioco di parole, frutto di una mente arguta e vivace che legge l'ambiente in cui si muove, attraverso fulminanti associazioni di significati e di suoni. L'autore, che ha trascorso una vita con e in mezzo agli altri per motivi professionali e di studio, dopo fogli e fogli di annotazioni ed etichette lasciate qua e là per donare sorrisi e piacere, ha deciso finalmente di raccogliere l'essenza della sua creatività verbale in un libello, da condividere con gli amanti del lessico e della sana risata.
6,00

L'impatto del teatro in carcere. Misurazione e cambiamento nel sistema penitenziario

Francesco Perrini, Filippo Giordano, Delia Langer, Luigi Pagano, Giacinto Siciliano

Libro: Copertina morbida

editore: Egea

anno edizione: 2017

pagine: 235

Il volume presenta i primi risultati di una ricerca sulla misurazione dell'impatto del teatro in carcere condotta presso la casa di reclusione di Milano-Opera. Se è ampiamente dimostrato che attività di questo tipo hanno un rilevante impatto sui detenuti e sulla qualità della loro esperienza detentiva non ci sono ancora metodologie condivise e significative pratiche di misurazione. Lo sviluppo e la diffusione di pratiche di misurazione è invece fondamentale per dare evidenza dei risultati di interventi e politiche pubbliche e supportare processi di cambiamento organizzativo. Negli ultimi anni in Italia si sta assistendo a un processo di trasformazione, in primis culturale, del sistema penitenziario, grazie ad una rinnovata attenzione al tema carcere sollecitata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo. In questo contesto le attività-artistico creative, e il teatro in particolare, possono essere il driver di questo cambiamento. L'impatto di queste attività nelle carceri è infatti rilevante non solo per i detenuti direttamente coinvolti ma per l'organizzazione di tutto il sistema penitenziario. L'esperienza ha dimostrato l'alto valore educativo di attività che sviluppano una nuova consapevolezza di sé, che ricostruiscono l'autostima e la fiducia in se stessi e responsabilizzano le persone. Ma allo stesso tempo queste attività gettano un ponte verso l'esterno, attraverso la realizzazione di opere e spettacoli che mutano positivamente la relazione del detenuto con la comunità. Prefazione di Santi Consolo.
30,00

Maremuto blues

Luigi Pagano

Libro

editore: Giovane Holden Edizioni

anno edizione: 2010

pagine: 80

Maremuto, un lago dalle acque ferme ma vive, immenso e silenzioso. Sulla riva, la locanda delle Houen accoglie anime abbandonate dal Destino. In quel luogo tutti siamo destinati a soggiornare, ignari viandanti in cerca della propria vita, di quella che credevamo superata, buttata. E la fuga è un girotondo inutile, un eterno e maledetto rincorrersi. Su tutto risuonano gli accordi vivi e laceranti di un blues: soltanto cinque note, cinque come le dita di una mano, cinque passioni che racchiudono il mondo. E poi un ragazzo solitario che regala canzoni, un uomo sopraffatto da un dolore profondo e un altro da una rabbia senza controllo. E donne come angeli senza più ali, costrette da un Dio assente a salvare quel che resta dell'amore. Questa è la storia di un altro mondo, altro e sconfinato come la paura di vivere, come un rock d'altri tempi, un motivetto dolce e malinconico che non si riesce a togliere dalla testa. Accordate gli strumenti, scaldate la voce: queste parole sono per le vostre anime perdute.
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.