Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Guido Gili

La credibilità politica. Radici, forme, prospettive di un concetto inattuale

Massimiliano Panarari, Guido Gili

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio

anno edizione: 2020

pagine: 224

Tutti la cercano. Molti ne lamentano l'assenza. È la credibilità, cardine della vita politica e dell'ordinamento democratico tanto decantato quanto trascurato. Cos'è la credibilità? Chi è credibile e perché? Quali sono le radici e le forme della credibilità politica? Come circola all'interno della società? A quali rischi è soggetta e quali patologie ne derivano? A che cosa si può fare appello per restituire credibilità alla politica? Attraverso questo percorso gli autori intendono riaffermare la sua centralità nella teoria e nelle pratiche politiche, poiché di credibilità, sebbene in forme originali e con fondamenti nuovi, le società democratiche hanno quanto mai bisogno, soprattutto oggi.
12,50
28,50

Comunicazione, cultura, società. L'approccio sociologico alla relazione comunicativa

Guido Gili, Fausto Colombo

Libro

editore: La Scuola

anno edizione: 2014

pagine: 416

Cosa significa comunicare? A cosa serve? Come comunichiamo, in quali forme e con quali mezzi? Perché i tentativi di comunicare possono riuscire o andare incontro al fallimento? A queste domande fondamentali tentano di rispondere tutte le scienze della comunicazione. In particolare, il libro presenta e discute criticamente la prospettiva sociologica. Come illustrano gli autori, la sociologia studia la comunicazione in quanto relazione tra soggetti agenti che interpretano i propri rispettivi comportamenti comunicativi in quanto espressioni di intenzioni, volontà e scopi. L'approccio sociologico analizza questa relazione nelle sue dimensioni materiali, sociali, normative e di potere. Aggiornato agli esiti più recenti della ricerca sociologica internazionale, il volume non si limita a costituire una introduzione sistematica allo studio della comunicazione, ma offre anche una prospettiva innovativa sul suo rapporto con la cultura e la società.
25,00

Chi ha paura della post-verità? Effetti collaterali di una parabola culturale

Giovanni Maddalena, Guido Gili

Libro: Copertina morbida

editore: Marietti

anno edizione: 2017

pagine: 128

«La post-verità è il frutto maturo e velenoso di un albero che molti giardinieri hanno contribuito a innaffiare e concimare: alcuni con buone, altri con pessime intenzioni, altri ancora senza interrogarsi troppo sulle possibili conseguenze. Ma perché allora proprio oggi questa improvvisa attenzione, questo soprassalto di interesse e di allarme?». Eletta parola dell'anno 2016 dall'Oxford Dictionary, la post-verità è entrata ormai nel linguaggio giornalistico e nel parlare comune. Su che cosa sia, come ci siamo arrivati, quali gli effetti positivi e quelli perversi c'è una grande confusione e un'asfissiante retorica. In un incalzante percorso attraverso concetti filosofici, teorie sociologiche, strategie comunicative e originali interpretazioni di eventi e processi sociali dall'inizio del Novecento fino ad oggi - dal sorgere dei mass media ai social network - questo saggio è una guida per chi vuole capire che cosa sta succedendo nella società e nella cultura occidentale senza moralismi e catastrofismi.
12,00

La credibilità. Quando e perché la comunicazione ha successo

Guido Gili

Libro: Copertina morbida

editore: RUBBETTINO

anno edizione: 2005

pagine: 116

Che cos'è la credibilità? Come si fa a essere credibili? In questo saggio l'autore affronta in modo sistematico il problema della credibilità indagandone la natura, le radici, i caratteri e i segni. Guido Gili è preside della facoltà di Scienze umane e sociali dell'Università del Molise e docente di Sociologia dei processi culturali e della comunicazione.
14,00
19,10

La violenza televisiva. Logiche, forme, effetti

Guido Gili

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2006

pagine: 196

La violenza in televisione è un tema "caldo" che vive di contrapposizioni. Assieme a quanti la condannano o la assolvono, c'è chi osserva che violenza e crudeltà sono presenti anche nelle tragedie greche, nei drammi di Shakespeare e nelle fiabe di Perrault e dei fratelli Grimm. Vero. Ma cosa c'è di simile e cosa c'è di diverso tra quei racconti di violenza e la violenza televisiva? Il volume intende rispondere a queste domande analizzando le forme che la violenza assume nei diversi generi televisivi; le motivazioni che spingono i creatori a produrre e distribuire programmi con contenuti violenti e i destinatari ad apprezzarli; gli effetti che la violenza televisiva può produrre sulla mentalità, le emozioni e i comportamenti degli spettatori.
19,80

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.