Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Francesco Tedeschi

Luoghi di transizione. Forme e immagini di «passaggio», fra arte e architettura

Francesco Tedeschi

Libro: Copertina morbida

editore: Scholè

anno edizione: 2020

pagine: 240

Un percorso iconografico e tematico fra le rappresentazioni di alcuni temi concernenti la figura della "soglia", intesa come luogo di passaggio fra una realtà e un'altra, fra dimensioni, luoghi e concetti che si definiscono secondo il principio della prospettiva, del quadro, dello schermo e dello spazio praticabile. Temi e immagini che vanno dalla "finestra" allo "specchio", passando per la "porta", il "corridoio" fino al "labirinto" sono ricorrenti nell'arte di ogni tempo, ma nelle prospettive del presente assumono nuova attualità, alla luce della condizione di passaggio epocale nel quale siamo stati e siamo coinvolti. Il testo affronta, con riferimento a opere e autori che hanno interpretato in chiave visiva e metaforica tali suggestioni, un dialogo fra la storia dell'arte e la cultura visuale, con particolare attenzione ai motivi architettonici implicati nel percorso elaborato, e si rivolge per questo agli studenti e agli interessati ai temi che riguardano l'incontro fra queste discipline.
22,00

Spatial explorations. Ediz. italiana e inglese

Francesco Tedeschi

Libro: Copertina rigida

editore: Forma Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 96

Oggetto della mostra e del catalogo è il ruolo di Lucio Fontana nei confronti di almeno due generazioni di artisti operanti in Italia nel secondo 900. La sua lezione ha contribuito a far compiere un salto all'ambiente artistico di Milano, già all'avanguardia grazie al Futurismo negli anni antecedenti la Grande Guerra, e che negli anni '50-'60 torna ad avere una posizione preminente a livello europeo. Nel diverso ricorso a manualità e tecnologia, al segno minimale e a una visione universale, le diverse vie di esplorazione della concezione spazio-temporale, sulla falsariga delle intuizioni di Fontana, sprigionano nel contesto artistico milanese e italiano tra gli anni '50 e '60 una serie di proposte che dialogano con le posizioni avanzate altrove (Parigi, New York, Londra o Amsterdam). Un dialogo fra specificità e condivisione di orizzonti, che ha ben rappresentato le aspirazioni di un'arte tutt'altro che separata dalle condizioni del mondo contemporaneo. Dova, Crippa, Tancredi, Deluigi, Baj, Manzoni e altri documentano con la loro arte le molteplici direzioni intraprese dall'arte italiana nel corso del Novecento in quegli anni.
14,00

Cambio rotta. Storie di sostenibilità e successo

Francesco Tedeschi, Rebecca De Fiore, Luca Forestieri, Alessandro Magini, Elisa Tasca

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori Electa

anno edizione: 2019

pagine: 150

In questo libro si parla di pesci che si moltiplicano, paesi risorti, mattoni di marmo, vestiti fatti di bucce d'arancia e binari intelligenti. Storie affascinanti e istruttive frutto dell'impegno e dell'inventiva di abitanti di tutte le regioni del nostro Paese e di tutte le età. Ma, soprattutto, esempi particolarmente virtuosi di sostenibilità, cioè di attività e prodotti che non inquinano, non producono scarti, non distruggono risorse, non comportano rinunce. E, al tempo stesso, generano vantaggi immediati per tutti: per chi ne è stato promotore e per chi ne usufruisce, più in generale per l'intero pianeta. C'è l'ex capostazione toscano che ha avuto l'idea di trasformare gli scarti dell'estrazione del marmo delle Alpi Apuane in mattoni ecologici e resistenti; ci sono le ragazze siciliane che hanno trasformato i sottoprodotti della lavorazione industriale degli agrumi in filati di qualità per l'alta moda; ma c'è anche un gruppo di amici pugliesi che, dopo avere studiato e lavorato nel Nord Italia e all'estero, sono tornati al paese d'origine per farlo rivivere e rilanciare le produzioni agricole locali; ci sono i pescatori pugliesi che hanno sperimentato la chiusura per qualche anno della loro tradizionale zona di pesca e, alla fine, hanno visto quadruplicato il pescato; e c'è la determinazione del ragazzo palermitano che ha ideato un modo per produrre traverse ferroviarie ecologiche e intelligenti combinando calcestruzzo, plastica da rifiuto urbano e pneumatici usati e, in pochi anni, ha conquistato il mercato statunitense. Prefazione di Luigi Lazzareschi.
18,90

Francesco Somaini. La stagione americana. Catalogo della mostra (Prato, 24 novembre 2018-2 settembre 2019). Ediz. italiana e inglese

Francesco Tedeschi

Libro: Copertina rigida

editore: Cambi

anno edizione: 2018

pagine: 128

Questo catalogo documenta le serie di motivi che hanno caratterizzato le varie fasi della stagione informale dello scultore Francesco Somaini, con esemplari scelti delle Verticali, delle Orizzontali e delle Oblique, dei Martìri e dei Feriti, delle successive Memorie dell'Apocalisse, dei Racconti e delle Figure di Fuoco. Opere che, in buona parte, sono state in collezioni americane o sono state esposte nelle mostre che l'artista ha effettuato oltreoceano in quegli anni. Tra le opere presentate figurano anche alcuni esemplari delle serie di motivi avviati da Somaini dopo la stagione informale, come i Bozzetti del monumento ai Marinai d'Italia di Milano, le Cadute dell'uomo e i Da Sotto, legati alla riflessione sul rapporto tra scultura, architettura e contesto urbano, innescata dal contatto con la cultura americana durante i numerosi viaggi compiuti negli Stati Uniti e maturata nel corso delle esperienze di collaborazione con gli architetti, che lo hanno condotto alla realizzazione di opere monumentali per le città di Atlanta, Baltimora e Rochester.
30,00

Il Divisionismo. Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona

Francesco Tedeschi

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori Electa

anno edizione: 2018

pagine: 111

Il Divisionismo rappresenta un momento cruciale nella storia dell'arte italiana, oggi celebrato in tutto il mondo attraverso mostre ed esposizioni di grande interesse. Il secondo volume del catalogo della Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona ci guida alla scoperta delle 16 nuove acquisizioni della collezione, attraverso la voce dello storico dell'arte Francesco Tedeschi. Nella piccola cittadina di Tortona, all'interno dell'antico Palazzetto Medievale, si trova un museo unico nel suo genere, che ripercorre la nascita, la formazione e lo sviluppo del Divisionismo, corrente artistica che si fece portavoce dell'avvento della modernità in Italia tra Ottocento e Novecento. La preziosa collezione, nata dall'intensa attività di valorizzazione del patrimonio artistico del territorio piemontese da parte della Cassa di Risparmio di Tortona, si è recentemente arricchita di 16 nuovi capolavori tra cui, per citarne alcuni, "Riflessioni dolorose" di Attilio Pusterla, "Il ponte" di Pellizza da Volpedo e "Meriggio d'autunno" di Aleardo Terzi.
19,90
20,00

Storie a passo d'uomo

Francesco C. Tedeschi

Libro

editore: Kimerik

anno edizione: 2015

pagine: 336

"Caro lettore, che tu lo abbia voluto o meno, ora hai questo libro fra le mani. Il tempo proposto da queste storie è quello del "passo d'uomo". Un tempo, un passo, un respiro perduti, in quest'epoca "liquida", di folle velocità imposta. Recuperare il "passo d'uomo" costa sforzo. Lo sforzo di risalire la corrente della nostra assuefazione. Però ci restituisce la giusta distanza dalle cose in modo da poterle riconoscere come vere, abbracciarle con emozioni non effimere, penetrarle col pensiero non intossicato dalla fretta, farle nostre, recuperare mondi passati, immaginare futuri. In queste storie tu, lettore, troverai persone, cose, paesaggi, fatti a te familiari. Ma anche quando ti sembreranno sconosciuti, fuori dal mondo, riconoscerai sotto quelle maschere una parte di te, dei tuoi paesaggi, della tua vita. Perciò riprendi fiato, ritrova il tuo passo." (L'autore)
15,30

Storie a temperatura costante. 15 racconti

Francesco C. Tedeschi

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2013

pagine: 222

8,50

Il posto tranquillo

Francesco Tedeschi

Libro: Copertina morbida

editore: Vincent Books

anno edizione: 2012

pagine: 216

Questo libro parla di te, di com'eri, di quello che eri sicuro che saresti diventato e di ciò che invece sei diventato in realtà. Ma parla anche di Stefano - che un tempo era Falco - e dei suoi vecchi amici, che si sono persi per strada. E di come, quando il passato riemerge, le loro speranze dimenticate si trasformino in rimpianti ostili, veri e propri nemici che i cinque credevano sconfitti e che ora devono essere affrontati. Perché basta una telefonata inaspettata e si ritorna dove tutto è iniziato. Perché, forse, non è troppo tardi per raggiungere il luogo immaginario nato nelle loro menti una notte di quindici anni prima. Perché ciò in cui credevano li sta chiamando, e solo un'ultima, spaventosa prova li attende assieme all'unico tra loro che ha varcato le porte del Posto Tranquillo e che adesso sta invitando i suoi vecchi amici a raggiungerlo.
11,90

Enzo Esposito

Bruno Corà, Danilo Eccher, Francesco Tedeschi

Libro

editore: Prearo

anno edizione: 2019

Lo sviluppo artistico di Enzo Esposito, nell'arco di circa cinquant'anni di attività, ha un tracciato consequenziale, ma anche composito, all'interno del quale si colgono azioni e reazioni, momenti di slancio emotivo e di riorganizzazione delle ragioni formali. Al centro si pone comunque la pittura, come materia del lavoro, come strumento esistenziale, come metro dell'esperienza quotidiana. Una pittura con la quale l'artista si misura, avendone abbracciato le ragioni, ma volendo sempre verificarne e quasi forzarne le possibilità. Per questo, pur essendo stato, soprattutto in un momento decisivo per la sua storia personale, tra i protagonisti di quel "ritorno alla pittura" ampiamente messo sotto i riflettori della critica negli anni Ottanta, non si può considerare, il suo, l'esito di una scelta lineare, dalla quale siano derivate logiche perseguite senza sofferenza. Al contrario, Esposito ha sempre affrontato con lucidità critica il suo essere pittore, con l'esigenza di mettere in discussione l'innata capacita a fare della pittura il terreno su cui misurarsi, vivendo piuttosto come un conflitto il confronto con la tela, con i colori, con le superfici, mai sufficienti a contenere il suo bisogno di espandere il segno e il colore e con essi costruire un'immagine plastica.
50,00

Il mondo ridisegnato. Arte e geografia nella contemporaneità

Francesco Tedeschi

Libro: Copertina morbida

editore: VITA E PENSIERO

anno edizione: 2011

pagine: 508

I rapporti tra arte e geografia hanno una lunga tradizione, che va dal concorso nella creazione delle mappe alla storia della pittura di paesaggio. Negli ultimi decenni questi legami si sono andati modificando, per individuare nuovi e ulteriori parametri, alla luce di una ridefinizione del mondo in un'epoca che va oltre la modernità. Partendo da argomenti di natura geografica, anche di carattere teorico, individuati come linee-guida, Francesco Tedeschi propone una lettura intrecciata di temi che riguardano l'uno e l'altro ambito, così da interpretare in chiave interdisciplinare l'operato dei molti artisti presi in considerazione. Autori quali Piero Manzoni, Jasper Johns, Joseph Beuys, i protagonisti dell'Arte Povera, del Situazionismo, della Land Art - nella sua versione americana ed europea -, della Net Art, e molte delle principali figure dell'arte odierna, sono accostati a opere di Vermeer, Friedrich, Bellotto, o alle rappresentazioni delle 'Città ideali' quattrocentesche. La geografia è presa in considerazione come principio di rappresentazione cartografica, ma anche come espressione delle relazioni di potere che hanno condotto a determinate forme di interpretazione della realtà territoriale. Essa è modello di conoscenza e di appropriazione del mondo, base per l'invenzione di luoghi ideali, terreno in cui coltivare sensibilità per temi quali la difesa dell'ambiente e la gestione della globalizzazione.
30,00

Oltre. Le soglie dell'invisibile

Andrea Dall'Asta, Francesco Tedeschi

Libro: Libro in brossura

editore: Skira

anno edizione: 2014

pagine: 88

"Oltre. Le soglie dell'invisibile" si incentra sulla dimensione del trascendente, dell'assoluto. L'"oltre" rimanda da un lato al limite, al confine, alla possibilità di superare barriere interiori ed esteriori, dall'altro all'inafferrabile, all'inaccessibile, all'indefinibile, a quanto si sottrae al possesso e alla dominazione. In questo senso, l'"oltre" è soglia, punto di passaggio, linea di comunicazione tra visibile e invisibile, tra immanente e trascendente, tra finito e infinito, come se al cuore del sensibile emergesse un senso, talvolta difficile da riconoscere, ma senza il quale l'esperienza umana resterebbe piatta, inerte, superficiale. Il volume propone un originale confronto sul trascendente tra opere d'arte del Novecento e contemporanee (Fontana, Burri, Sironi, Paladino, Spalletti, Nagasawa, Parmiggiani) ed esempi di altre epoche e di altri linguaggi (polittici e tavole a fondo oro, icone russe, ex voto). Quarantadue opere dal XIII secolo ai giorni nostri che tracciano un percorso di vibrante tensione spirituale.
16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.