Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Francesca Tomasi

Organizzare la conoscenza: Digital Humanities e Web semantico. Un percorso tra archivi, biblioteche e musei

Francesca Tomasi

Libro: Copertina morbida

editore: Editrice Bibliografica

anno edizione: 2022

pagine: 200

Ci sono alcuni temi che delineano le Digital Humanities (DH) nel contesto di un Web che attribuisce alla semantica esplicita il ruolo di strumento per la gestione della conoscenza acquisibile dai dati culturali. Dopo un'analisi della storia della Humanities Computing, e del suo incontro con il Web Semantico, il volume racconta l'evoluzione di questo connubio attraverso alcuni temi significativi. Partendo dallo stretto rapporto fra le DH e la Library and Information Science, e insistendo sulla componente ermeneutica delle DH, il ragionamento si alimenta del concetto di contesto, di tradizione archivistica, come sistema per l'arricchimento dei dati culturali. E dalla nozione di entità complesse e stratificate il volume arriva al tema dell'organizzazione della conoscenza, tradotto in una speciale realizzazione del Web semantico, ovvero i Linked Open Data (LOD), la tipica espressione dell'orientamento concettuale delle scienze del libro e del documento. La naturale propensione alla progettualità nelle DH, il workflow dei processi che qualificano la ricerca di settore e i nuovi mestieri del Web semantico per il digital humanist, chiudono le riflessioni.
24,00

I passaggi e la cronologia ragionata della letteratura italiana

Gian Mario Anselmi, Francesca Tomasi

Libro: Copertina morbida

editore: Pàtron

anno edizione: 2021

pagine: 274

Il libro che vi presentiamo non è il solito Manuale di Letteratura italiana. La prima parte evoca un termine ben conosciuto dai critici perché fatto proprio da un famoso intellettuale e scrittore della prima metà del Novecento, Walter Benjamin: ci è sembrato interessante usare la metafora implicita nel termine "passaggi", appunto per sottolineare che non avremmo "narrato" la letteratura per rigide convenzioni e formule ma l'avremmo attraversata mettendone piuttosto in luce connessioni, intrecci, dialoghi fra le varie epoche; con l'intento primario di dare il senso della "permeabilità" che è insita nella letteratura, della sua "porosità" capace di disarmare le "corazze" e le resistenze che ognuno di noi si porta dentro. Si spera insomma di avviare il lettore allo studio della letteratura in modo libero e armonioso per capire meglio il nostro presente e aprire qualche spiraglio sul nostro futuro. È il motivo per cui non trovate, nella prima Sezione, una narrazione "dalle origini" ma una narrazione che prende il via dall'Illuminismo per poi successivamente tornare ad epoche più antiche. Posto questo punto fermo iniziale si è ovviamente poi provveduto a risalire nel tempo (Medioevo, Umanesimo, Rinascimento...) ma sempre tenendo fermo l'assunto che dovevamo rendere evidente a chi studia un "programma" di letteratura la necessità di guardare al passato avendo ben chiaro il fine ultimo di tale studio, ovvero comprendere noi come siamo oggi, comprendere la modernità con le connesse straordinarie innovazioni in corso (e che stanno cambiando tutti gli statuti culturali), ovvero ad esempio anche l'universo digitale stesso del Web, del Game. Ma siccome siamo ben consci che in un libro di questo tipo comunque lo studente come il lettore curioso vogliono trovare ancoraggi e conforti di dati puntuali e cronologicamente ordinati ecco la proposta, diversa e simmetrica, della seconda parte: una ricchissima Cronologia della letteratura italiana, ragionata e costruita secondo criteri innovativi e sostanzialmente esaustivi, in grado di fornire, dopo la prima parte "narrante" dei "passaggi", una precisa, documentata, didatticamente praticissima tavola di dati, nomi, opere nella loro tradizionale scansione temporale.
29,00

Metodologie informatiche e discipline umanistiche

Francesca Tomasi

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2008

pagine: 256

Quale vincolo lega le discipline umanistiche all'informatica come scienza dell'informazione? Quale rapporto sussiste fra le "humanae litterae" e una disciplina che si occupa di forme di rappresentazione, trattamento ed elaborazione dell'informazione? Il connubio non coinvolge i soli aspetti strumentali di uso della macchina informatica. Obiettivo del volume è ragionare su aspetti e settori della ricerca umanistica che possono essere ripensati alla luce dei presupposti teorici, metodologici e tecnici della scienza dell'informazione: dal concetto di informazione alla sua formalizzazione, dalle reti ai sistemi di basi di dati, dai linguaggi di markup agli ipertesti e ai sistemi multimediali. Ma è soprattutto sull'elaborazione dell'informazione che si concentra la "computabilità umanistica": dal trattamento automatico del linguaggio naturale al Web semantico, dai metadati alle biblioteche digitali.
30,30

Montale e pseudo Montale. Autopsia del diario postumo

Federico Condello, Valentina Garulli, Francesca Tomasi

Libro: Copertina morbida

editore: Bononia University Press

anno edizione: 2016

pagine: 304

Da trent'anni tondi si discute del Diario postumo: raccolta poetica attribuita a Eugenio Montale, che fra il 1969 e il 1979 avrebbe dedicato alla sua ultima Musa, Annalisa Cima, 84 liriche segrete destinate a vedere la luce cinque anni dopo la morte del poeta. La pubblicazione iniziò nel 1986 e si concluse nel 1996. Ma nel 1997 il Diario postumo fu denunciato come falso da Dante Isella. Il verdetto diede luogo a un dibattito furibondo che si concluse, senza vincitori né vinti, nel 1999. Il dibattito è riesploso nel 2014, specialmente in seguito alle ricerche condotte da un team interdisciplinare dell'Alma Mater Studiorum, alla pubblicazione del libro "I filologi e gli angeli. È di Eugenio Montale il Diario postumo?" e al convegno nazionale "A carte scoperte. Eugenio Montale e il "Diario postumo": un falso?" Durante il convegno si è ormai imposta una convinzione nutrita di solide basi filologiche: falso in toto o in gran parte, frutto di collage o di registrazioni audio, il Diario postumo non può essere considerato opera di Eugenio Montale. Il presente libro raccoglie le più consistenti novità: una lunga serie di argomenti che rinforzano la diagnosi di non autenticità.
28,00

Cronologia ragionata della letteratura italiana

Francesca Tomasi

Libro

editore: Gedit

anno edizione: 2002

pagine: 176

15,00

L'umanista digitale

Domenico Fiormonte, Teresa Numerico, Francesca Tomasi

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2010

pagine: 236

II manuale mostra come l'informatica, fin dalla sua nascita, si sia nutrita di un ricco contributo interdisciplinare proveniente da filosofi, linguisti, filologi, antropologi, psicologi e sociologi, e fornisce gli strumenti teorici e le competenze pratiche per affrontare le sfide che le tecnologie pongono al laureato e al ricercatore in discipline umanistiche. Il problema della trasformazione digitale della cultura è affrontato in tre diverse prospettive: elaborazione e ricerca, scrittura, conservazione dei saperi. Ciascuno di questi ambiti è affrontato da uno specialista del tema in un linguaggio semplice e rigoroso. Ne risulta una mappa dei cambiamenti e dei processi di riorganizzazione della produzione della conoscenza umanistica, che illustra le ragioni che dovrebbero indurre gli studiosi ad acquisire l'esperienza e le competenze necessarie a dialogare con la tecnologia digitale. Arricchisce il volume la presenza di un sito web, nel quale docenti e studenti troveranno materiali utili per integrare lo studio e la didattica.
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.