Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Amedeo Cencini

I passi del discernere. «... chiamati a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle»

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: SAN PAOLO EDIZIONI

anno edizione: 2019

pagine: 168

Amedeo Cencini conclude, con questo testo, una trilogia iniziata otto anni or sono con il volume "Abbiamo perso i sensi" (2012), in cui portava all'evidenza uno dei grandi problemi della tradizione cristiana in ambito di discernimento personale e vocazionale: quello della dimenticanza della sensibilità personale. Dopo aver proseguito la sua riflessione, in positivo, con la proposta contenuta in «Dall'aurora io ti cerco». Evangelizzare la sensibilità per imparare a discernere (2018), l'autore - sacerdote e psicoterapeuta - giunge qui a proporre al lettore una "parte pratica-, in cui presenta un paio «d'esempi concreti di processi decisionali su di sé, nel proprio cammino di vita, e al servizio di altri», specie per chi si trova in particolari situazioni "critiche-. La prospettiva che ne viene pone finalmente il soggetto del discernimento al primo posto, prendendo ad esempio anche situazioni complesse per la morale e il diritto ecclesiale, come quelle delle coppie irregolari, cui viene dedicata un'attenzione ampia, attenta a declinare le caratteristiche della vita personale e le fatiche di discernimento, più che a ribadire un progetto etico, che pure non viene disperso. Un'opera, questa di Cencini, destinata a lasciare il segno nell'ambito del lavoro e della comprensione della "vocazione- umana, tout court.
15,00

La formazione permanente nella vita quotidiana. Itinerari e proposte

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: EDB

anno edizione: 2017

pagine: 232

La riflessione sulla formazione permanente in corso nella Chiesa e nelle sue istituzioni educative coinvolge consacrati, presbiteri e laici in una sorta di zona mista - sia teorica che pratica - in cui si cercano gli elementi teologico-spirituali in grado di innescare atteggiamenti psicopedagogici. Questo volume invita pertanto il versante teologico a confrontarsi con quello pedagogico e a superare una certa sufficienza un po' clericale che tende a farsi rapire da intuizioni molto elevate, ma anche a sottovalutarne i riflessi educativi. Le due prospettive si sono distanziate progressivamente, anche sul piano epistemologico: da un lato le scienze «architettoniche», deputate per statuto ad affrontare le questioni fondamentali della vita, gli interrogativi essenziali (il senso della vita, della morte, dell'amore, della sofferenza); dall'altro le scienze «ermeneutiche», competenti a spiegare e indicare i cammini esistenziali degli individui, come la pedagogia, la psicologia e la sociologia. Eppure questi due profili non possono restare disgiunti e tanto meno in posizioni conflittuali o di vassallaggio poiché un aspetto non può essere compreso senza l'altro. Più che nell'ambito di una pedagogia «metodologica», impegnata a tracciare percorsi ormai collaudati, oggettivi, con tappe precise intermedie e finali, l'autore si muove nello spazio di una pedagogia «sapienziale» e «strategica», orientata alla contemplazione della verità, alla passione, al desiderio e al sapore dell'obiettivo finale.
20,00

Psicologia e teologia

Amedeo Cencini, Alessandro Manenti

Libro: Copertina morbida

editore: EDB

anno edizione: 2015

pagine: 304

Che cosa può dire una scienza recente come la psicologia alla secolare elaborazione del pensiero teologico? In che modo la riflessione psicologica può arricchire la teologia nel suo stesso formularsi e non solo a livello di attuazione pastorale o di "immediato utilizzo" per fare fronte a disagi o problemi patologici? Il testo illustra ciò che la psicologia descrive, si interroga sul peso da dare alle affermazioni psicologiche e su cosa è corretto o scorretto chiedere a questa disciplina, indagando le teorie, i modelli, i concetti di mediazione, vita vissuta, mistero, relazione, motivazione e attività simbolica. Indaga inoltre l'intreccio di emozioni e ragioni, il concetto di maturità affettiva, il mondo conscio e inconscio, la dimensione del male e del bene morale, la salute psichica, la struttura delle relazioni, la soggettività e le nuove prospettive offerte dalle neuroscienze. Il volume si colloca in una collana di testi rigorosi e agili a un tempo, rivolti soprattutto al pubblico di università, facoltà teologiche, istituti di scienze religiose e seminari.
26,00

Missionari o dimissionari! La dimensione missionaria nell'accompagnamento vocazionale dei giovani

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: Paoline Editoriale Libri

anno edizione: 2008

pagine: 104

La tesi che viene svolta riguarda una netta affermazione: o si è missionari o dimissionari. È dunque importante chiarire il significato del termine "missionario" che non implica tanto l'andare in missione in terre lontane per evangelizzare, ma assumere e vivere in pienezza l'essere cristiani. La missione è prendere coscienza della propria identità e responsabilità, comprendere la forza dell'invio e dedicarsi con totalità e passione al servizio dell'altro, come annunciatori di salvezza. Da qui sorge la responsabilità da parte degli educatori, genitori, sacerdoti e religiosi di assumere la dimensione missionaria nella pastorale giovanile vocazionale. L'educare alla missione comporta allargare gli spazi, rompere certi confini per aprirsi a nuovi orizzonti di evangelizzazione. L'obiettivo finale di ogni educazione alla missione è la crescita nella fede e la fede è un dono da comunicare. Il giovane che viene guidato deve comprendere che l'unica fede che ha è quella che comunica, è la freschezza che si sente dentro nel momento in cui annuncia Gesù, salvatore del mondo? ed è questo il segno che l'accompagnamento vocazionale è missionario.
6,50

Vivere riconciliati. Aspetti psicologici

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: EDB

anno edizione: 2000

pagine: 168

Attraverso la comprensione dei vari livelli di manifestazione del proprio malessere (fisiologico, psicologico, morale) si può giungere a un'unità-integrazione dell'intera persona che renda sì accettabili i propri limiti, ma all'interno di una dimensione di fede, eludendo cioè quel narcisismo il cui risvolto è la paura del fallimento, ma anche quei sensi di colpa che negano la gioia del perdono di Dio. Rivolto a ogni "uomo normale, comune, costretto - spesso a malincuore - ad ammettere di non essere perfetto come vorrebbe, ma neppure così malridotto come a volte gli sembra d'essere".
16,00

Il coraggio di discernere. «Non si nasce cristiani, si diventa»

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: Paoline Editoriale Libri

anno edizione: 2019

pagine: 128

Il Sinodo dell'ottobre 2018 è stato un evento nuovo e inedito, soprattutto per lo spirito di vera e propria sinodalità che ha animato i lavori dell'incontro vaticano, per il ruolo significativo dei giovani in esso, e per quell'invito fiducioso e strategico al discernimento come metodo normale di crescita nella fede del credente normale. Una fede che non si trasmette più di padre in figlio, oggi, e che dunque va scelta in libertà, e posta al centro e all'origine di ogni scelta di vita, in particolare della decisione vocazionale. Quella attuale, allora, potrebbe essere la prima generazione chiamata a discernere! Il testo indaga allora sulla pedagogia di questo «normale» processo decisionale, e sulla formazione di quella sensibilità, nei suoi vari aspetti (nel giovane e nella guida), che dovrebbe portare al coraggio di scegliere in quanto credenti. E alla pienezza della maturità credente.
11,00

Chi è l'uomo perché te ne ricordi? Tra spiritualità e psicologia il fascino del mistero

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: AVE

anno edizione: 2019

pagine: 60

Superata la stagione degli anatemi reciproci tra psicologia e spiritualità, è possibile pensare la fede in un quadro dove teologia e spiritualità dialogano con le scienze umane. Non esiste, infatti, un piano spirituale separato da quello emozionale e vitale, tutto nell'uomo è spirituale e corporeo insieme. La vita dell'uomo è simile a un'opera di tessitura, simile all'intreccio tra l'ordito della grazia e la trama della libertà.
8,50

«Abbracciare il futuro con speranza». Il domani della vita consacrata

Amedeo Cencini

Libro: Copertina morbida

editore: Paoline Editoriale Libri

anno edizione: 2018

pagine: 128

Con quale atteggiamento la Vita Consacrata oggi va incontro al (proprio) futuro, vista la situazione critica, per tanti aspetti, che sta attraversando, soprattutto a causa della progressiva contrazione numerica degli effettivi. Per questo diventa importante l'invito di papa Francesco proprio ai consacrati/e ad «abbracciare il futuro con speranza». Il testo cerca di analizzare il significato di ogni termine di questa espressione, individuando in ciascuno d'essi una certezza, o una serie di certezze, che sono sufficienti per camminare con fiducia in questi tempi di crisi, e facendo della crisi addirittura uno stimolo per esser sempre più veri e coerenti, e per sfatare luoghi comuni che invitano al pessimismo e ci rendono depressi. E guardando al presente con realismo intelligente. Ripropone così una «profezia» dei tempi turbolenti del post-Concilio, che parlò d'una Chiesa che avrebbe attraversato tempi difficili e sarebbe divenuta sempre più povera e priva di potere, e proprio per questo anche più vera ed evangelica, più credibile e significativa per l'uomo d'oggi. E così anche la vita consacrata.
10,00

La vita al ritmo della Parola. La Bibbia per tutti

Amedeo Cencini

Libro

editore: SAN PAOLO EDIZIONI

anno edizione: 2018

pagine: 96

Un testo semplice e diretto per riscoprire la centralità della Parola di Dio nella vita di ogni uomo. «La vita è realizzate solo se si lascia ogni giorno plasmare dalla Parola. La Parola, a sua volta, si compia nella vita». La Bibbia per tutti è una serie in dieci volumi - illustrata e tutta a colori - pensata per chi vuole approfondire la conoscenza della Parola.
7,90

«Dall'aurora io ti cerco». Evangelizzare la sensibilità per imparare a discernere

Amedeo Cencini

Libro

editore: SAN PAOLO EDIZIONI

anno edizione: 2018

pagine: 216

Amedeo Cencini, sacerdote, psicoterapeuta, attivo nell'ambito della formazione permanente per il clero, affronta con questo testo ricchissimo e profondo uno dei temi centrali per una riflessione accorta sulla formazione umana oggi (e dei preti in particolare): il legame tra due caratteristiche che sono spesso disattese, malintese e persino dimenticate. Si tratta, da un lato, del discernimento: parola che sta tornando di moda, ma che deve essere ricondotta al suo vero senso, che non è azione dell'autorità nei confronti delle scelte del singolo, ma apprendimento da parte di ciascuno della capacità di scegliere di fronte a Dio e agli altri; e dall'altro della sensibilità, ciò che ci caratterizza a livello di "richiamo immediato", di attrazione personale, di inclinazione singolare di ciascuno. Cencini parte dall'asserto che la sensibilità (coniugale, sacerdotale, fraterna, paterna, materna...) è completamente assente dalla tradizione formativa della Chiesa, mentre dovrebbe tornare a recitarvi un ruolo centrale: se non comprendiamo la sensibilità dell'altro, se non accettiamo la nostra stessa sensibilità (non vergognandocene, ma valorizzandola) come potremo diventare donne e uomini pieni e completi? Un libro che riscopre la piena umanità di fronte al tema della scelta di vita, della vocazione, della decisione per l'esistenza cristiana, coniugando Vangelo e attenzione al lato più profondo di noi stessi.
18,00
22,00

Chiamati alla bellezza. Per una pedagogia vocazionale

Amedeo Cencini

Libro

editore: Paoline Editoriale Libri

anno edizione: 2016

Il libro affronta un tema particolare, la bellezza, su cui sono presenti oggi sensibilità opposte: da un lato uno scadimento inquietante del senso estetico, dall'altro una sorta di nostalgia della bellezza come esigenza insopprimibile. Il testo costruisce attorno a questa domanda di bellezza, che è assieme ricerca del vero e del bene, la proposta vocazionale, quale risposta a questa nostalgia, che consente al giovane chiamato di realizzarsi nella bellezza del progetto di Dio, Bellezza somma. Perché Dio è bello, e bello è lodarlo e ancor più servirlo. La crisi vocazionale è anche conseguenza dell'averlo dimenticato. Per arrivare a questo traguardo, dopo aver definito le caratteristiche della bellezza (misteriosa e drammatica, luminosa e disarmata), propone una pedagogia generale della bellezza, che consiste in un cammino di evangelizzazione dei sensi, per dare loro un significato autentico e profondo; e poi una pedagogia vocazionale della bellezza, per rendere il chiamato, ovvero ogni credente, sempre più sensibile, evangelicamente sensibile alla bellezza, e capace quindi di fare una scelta di vita ad essa ispirata. Bella dev'esser dunque, non solo corretta e fedele, la testimonianza di chi lo segue e lo annuncia, per testimoniare che seguire Gesù rende belli come lui. La Bellezza salva il mondo e la Chiesa, perché chiama ogni vivente a realizzarsi secondo la propria bellezza: unica, singola, irripetibile.
10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.