Il tuo browser non supporta JavaScript!

NUOVA CULTURA

1918. L'anno della gloria. Dalla battaglia d'arresto, alla battaglia del Solstizio, alla vittoria

Massimo Coltrinari, Giancarlo Ramaccia

Libro

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 398

Il Compendio del 1918, come i volumi precedenti, riporta, gli eventi chiave del quarto anno di guerra, per l'Italia, il quinto della Grande Guerra. Sono i mesi, quelli iniziali dell'anno, in cui il generale Diaz non lancia alcuna offensiva riservando tutte le risorse in uomini e mezzi per la battaglia difensiva. La descrizione prosegue con cenni sul riordino dell'estate delle unità del Regio Esercito e quelli sulla battaglia, offensiva, di Vittorio Veneto, che determinò la fine della guerra con la sconfitta sul campo dell'Esercito Austro-Ungarico. Segue poi, la ricostruzione della guerra sul mare e sui restanti fronti europei e non europei. Tutto questo è intercalato, come per gli altri volumi, da episodi di singoli azioni e singoli uomini che giustificano la concessione della massima decorazione al valore militare. Ne esce quindi, anche per quest'anno come i precedenti, un quadro in cui il grande evento si mescola con l'episodio del singolo combattente, dando così al lettore, ma soprattutto allo studente, una sintesi degli avvenimenti del 1918. Una analitica cronologia del 1918 è posta a corredo insieme alla bibliografia consultata e di riferimento.
37,00

C'è ancora spazio in Occidente per la morale?

Giancarlo Pasquali

Libro: Libro in brossura

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 102

La breve monografia ripercorre l'accidentato cammino della morale, dalla Grecia classica sino ai nostri giorni. L'indagine è condotta sull'interpretazione delle valutazioni, spesso differenziate, dei più insigni pensatori della materia. La dissoluzione di un sapere unitario, sostituito da una prorompente scienza, ha messo, da tempo ormai, in disparte la morale. Sottratta dall'ambito del dovere, "necessario al bene comune" (Aristotele), l'etica sembra sopravvivere nel ristretto spazio compatibile con l'utile. L'attesa globalizzazione che avrebbe dovuto garantire un multiculturalismo atto a rendere tutti più giusti e più buoni, non sembra soddisfare le attese. L'unico ambito globalizzato appare quello economico. Crescenti dubbi legittimano l'ipotesi che il forzato allontanamento della morale dalla politica abbia privato quest'ultima della coscienza a esclusivo vantaggio della scienza. Bagliori, pur sporadici e comunque tardivi, lasciano presagire, un auspicabile rientro dal prolungato esilio dell'etica, nella speranza non vana, che la cosiddetta società civile possa finalmente essere civilizzata.
12,00

Gabriel Tarde. Tra metafisica e sociologia

Daria D'Angelo

Libro: Libro in brossura

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 88

Questo testo prende in considerazione l'autore Gabriel Tarde. La fama di Tarde è legata al concetto di imitazione di cui ha definito le leggi nelle scienze umane e sociali. Il lavoro consiste in una riflessione scientifica, cerca di comprendere la ragione del suo oblio studiando la sua vita, le sue opere, il contesto nel quale nacque, crebbe, si formò intellettualmente e manifestò le sue idee. L'obiettivo del lavoro è la risposta a tale quesito: «L'oblio di Tarde è dovuto al suo pensiero considerato di scarsa credibilità, oppure, assai incisivo e "pericoloso" nei confronti della forma mentis del tempo con la quale si sarebbe scontrato, tanto da incrinare il pensiero dominante dell'epoca, rischiando così di mettere davvero in discussione la forza di pensieri e pensatori forti, facendo vacillare certezze scientifiche, o quasi, che però avevano preso piede con la stessa credibilità di verità scientifiche»?
13,00

Il metodo semiotico

Libro

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 284

In questo volume, che nasce come esito del XLV convegno dell'Associazione Italiana di Studi Semiotici svoltosi presso l'Università di Cassino nei giorni 6-8 ottobre 2017, è interessante notare come una occasione di riflessione sul metodo semiotico sia diventata più il luogo di una messa in discussione della disciplina che di precisazioni sull'operare della disciplina. Qui non si trova ad esempio più traccia delle antiche diatribe fra "generativi" e "interpretativi", non si discute di quadrati o passeggiate inferenziali; la semiotica da questo punto di vista sembra aver trovato un equilibrio, optando per un sincretismo di scuole che non posso che apprezzare, nel nome di una maggiore efficacia euristica.
19,00

Percorsi di alternanza scuola-lavoro all'università: didattiche e competenze

Libro: Libro in brossura

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 262

In questo volume si raccolgono i risultati di una ricerca sul campo su alcuni percorsi di alternanza scuola-lavoro che Sapienza, Università degli Studi di Roma, ha offerto nell'a.a. 2017/2018. La ricerca sul campo, attraverso una metodologia dello studio di caso, ha permesso di seguire i percorsi universitari di alternanza scuola-lavoro, descrivendo le attività, osservando i contesti didattici, intervistando gli studenti della secondaria partecipanti e anche i tutor e i collaborati universitari, per raccogliere il loro punto di vista in termini di aspettative, ricaduta, valutazione. La descrizione e analisi dei progetti di alternanza scuola-lavoro osservati permette di proseguire il monitoraggio che Sapienza ha pianificato, nella prospettiva di una maggiore e più efficace offerta formativa.
24,00

Testo e immagine. Riflessioni su letteratura e arti visive

Libro: Copertina morbida

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 194

Nel suo Majakovskij e il teatro russo d'avanguardia, Ripellino sottolinea come i rapporti fra arte e letteratura siano particolarmente intensi in Russia alla vigilia della rivoluzione d'Ottobre e come poeti e artisti si siano reciprocamente influenzati in uno straordinario caleidoscopio creativo. Partendo da questo assunto, il Dottorato in Scienze del testo dell'Università "Sapienza" di Roma ha proposto un ciclo di seminari dal titolo "Testo e immagine" nell'intento di approfondire il tema, allargandone i limiti spazio-temporali.Per non disperdere un ricco patrimonio di studi, abbiamo raccolto i testi delle lezioni, aggiungendone anche altre di argomento analogo, nel volume Testo e immagine. Riflessioni su letteratura e arti visive, proponendo così un nuovo "itinerario" tra arte e letteratura che spazia dalla visione storico-filosofica dell'Ottocento, all'espressionismo astratto, agli ultimi gruppi di avanguardia, dalla visione realista-socialista degli anni Trenta, al concettualismo e al postmodernismo degli anni '90 del Novecento.
19,00

SPAZI, LUOGHI E POTERE

MARCONI MATTEO

Libro

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

20,00
20,00

Digital Fashion Media. Come è cambiato il modo di comunicare la moda

Giulia Rossi

Libro

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 214

Il volume presenta una panoramica degli studi sui digital fashion media, dagli inizi a oggi, con un salto nel passato riferito ai giornali cartacei, per capire come questo universo sia cambiato e che direzione prenderà in futuro. Vengono riportati alcuni esempi editoriali di successo e le biografie di personaggi chiave dell'editoria di moda. Lo studio approfondisce l'ambito dei digital media analizzandone la storia e le maggiori tendenze attuali, dal civic journalism al brand (journalism), legandoli all'ambito della moda, ma considerandoli anche in una prospettiva più vasta. La necessità di questo libro nasce dopo anni di insegnamento in cui la ricerca continua di un testo per gli studenti ha portato l'autrice a raccogliere in un unico volume le dispense prodotte per i corsi tenuti in più università con nomi diversi, ma afferenti ai medesimi ambiti disciplinari: la comunicazione e la semiotica della moda. Il libro si rivolge a quanti sono interessati al tema dei fashion media e in particolare agli studenti che scelgono all'università i corsi sulla moda, per offrire loro una panoramica di posizioni teoriche e progettualità editoriali del passato e attuali.
20,00

1917. L'anno terribile. Dalla Bainsizza alla sorpresa strategica di Caporetto

Massimo Coltrinari, Giancarlo Ramaccia

Libro: Libro in brossura

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 410

Il Compendio del 1917, come i volumi precedenti, riporta, per l'Italia gli eventi chiave del terzo anno di guerra, il quarto della Grande Guerra. Dedicato tutto il capitolo primo ai primi dieci mesi di guerra sul fronte italiano, il capitolo secondo tratta del ripiegamento dall'Isonzo al Piave, integrato anche con una ricostruzione grafica delle operazioni dei giorni dal 24 ottobre al 9 novembre. Seguono poi, con cenni, le descrizioni della guerra sul mare e sui restanti fronti europei e non europei. Come per gli anni precedenti, anche questa ricostruzione è intercalata da episodi ed azioni di singoli uomini che determineranno la concessione della massima decorazione al Valore Militare. Ne esce quindi, un quadro in cui il grande evento si mescola con l'episodio del singolo combattente, dando così al lettore, ma soprattutto allo studente, una sintesi che si ritiene sufficiente per comprendere gli avvenimenti del 1917 e quindi essere in grado di poter usare l'annesso Glossario 1917 e costruire le proprie mappe logiche, concettuali e di ricerca da utilizzare ai propri fini. Una analitica cronologia del 1917 è posta a corredo insieme alla bibliografia consultata e di riferimento.
38,00

Orizzonti in sospensione. Ralf Dahrendorf e la democrazia rappresentativa

Giuseppe Abbonizio

Libro: Libro in brossura

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 260

Nel pensiero politico di Ralf Dahrendorf un tema ricorre costantemente, sia che si tratti di liberalismo sia della democrazia rappresentativa: le costituzioni politiche sono radicate nelle strutture sociali, stato politico e stato sociale sono mutualmente interdipendenti. In assenza di specifiche strutture sociali, la democrazia rappresentativa non può divenire effettiva, e quindi corrispondere a una realtà evidente perfettamente valutabile. Ancora. Le strutture sociali pongono limiti molto ristretti all'effettività delle forme politiche. Esistono, in altri termini, precisi elementi strutturali che permettono l'oggettivazione della democrazia liberale, e non altri. Si tratta certo di una concezione che deve molto a Tocqueville, la sua immagine illumina il pensiero dahrendorfiano sulla democrazia. Pur tuttavia non è l'unico elemento ricorrente. Ideale e reale qui si confrontano. L'idea di democrazia, infatti, si misura con la realtà sul terreno della prassi politica. Non a caso Ralf Dahrendorf è presente in quattro diversi parlamenti in cui ha visto all'opera il cambiamento senza violenza, l'argomentazione razionale, l'espressione della maggioranza e il controllo del governo.
24,00

Periodico di mineralogia. Vol. 87

Ballirano Paolo

Libro

editore: NUOVA CULTURA

anno edizione: 2018

pagine: 120

40,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.