Il tuo browser non supporta JavaScript!

La Vita Felice

Beethoven al chiaro di luna

Alessandra Distefano

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 112

«Le parole sono il tessuto dello spazio interposto tra le creature che abitano i racconti di Alessandra Distefano. Parole che dai personaggi promanano e che ad essi tornano in una vibrazione pulviscolare di pronunciamenti lievi, ma inesausti. Sono magiche parole silenziose che si muovono senza sosta a definire la particolare natura del mondo immaginato dall'autrice. Come se tutto ciò che esiste, fosse capace di esistere unicamente nel suo dirsi, in un mormorio a fior di labbra animato da aliti cosmici. Come se Lucrezio si fosse fatto narratore. Come se il fischio pattuito da Montale con l'adorata moglie per segnalarsi l'un l'altra e ritrovarsi poi insieme nell'Aldilà, avesse assunto parvenze di vita vera in un quotidiano oltremondo costituito di cose, ambienti e circostanze. Come se un seducente e melanconico panteismo laico fosse il credo celebrato in questo libro. Tutto è organico e compresente. Vita senza interruzione, tanto nel tempo quanto nello spazio, è il composto di questi racconti, che solo all'apparenza sono più d'uno. In realtà, vale per il nostro libro una frase del commediografo William Saroyan: "Ogni drammaturgo crea una specie umana". E qui c'è una specie umana. Un paesaggio che non esiste altrove, solo in queste righe, ma a testimonianza di quell'altro paesaggio vero e concreto in cui ciascuno di noi è accolto e vive.» (Dalla prefazione di Giuseppe Manfridi)
15,00

Il ragazzo che sapeva giocare

Giovanna Zavatti

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 96

Protagonisti del romanzo alcuni universitari di varie nazionalità, impegnati in una vacanza studio a Santander, Spagna, all'inizio degli anni Settanta. Dialoghi e situazioni raccontano la fatica di essere se stessi e di relazionarsi con gli altri in modo autentico, la paura di soffrire, il bisogno di conoscersi e di sperimentarsi, il timore della solitudine, il desiderio di essere amati. La voce narrante è quella di Ilaria, poco più che ventenne al momento della vacanza, ma adulta nel momento in cui scrive. Così alla narrazione delle vicende di quell'estate lontana e ai dialoghi del passato, si alternano considerazioni che riflettono l'esperienza e la consapevolezza di chi ha vissuto, non senza frutto, molte primavere.
12,00

Il sarto di Gloucester. Ediz. italiana e inglese

Beatrix Potter

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 26

Età di lettura: da 5 anni.
10,00

Uno scialle per la luna

Cinzia Chiesa

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 32

Al centro di questo albo illustrato l'incontro tra una bambina e la luna e il racconto di come un legame speciale possa nascere nella vita di tutti i giorni, sorprendendoci. Perché questo accada occorre accorgersi dell'altro che abbiamo di fronte, posare il nostro sguardo su di lui e dedicare un tempo a "tessere" un ponte che dia forma a questo legame. In questo caso la "tessitura" è reale, poiché i fili che collegano la terra e il cielo, daranno vita a uno scialle con cui la luna potrà ripararsi dal freddo e dal vento. Un oggetto che nasce nella relazione diventa il testimone del legame e permette di conservarlo anche quando siamo distanti. Il racconto è breve e poetico, un libro pensato per i bambini e insieme per i grandi che desiderano immergersi in una storia con immagini che ci permette di vivere la bellezza del tessere legami, prendendosi cura di sé e dell'altro. Età di lettura: da 3 anni.
12,00

Verso Oriente. Viaggi e letteratura degli scrittori italiani nei paesi orientali (1912-82)

Angelo Pellegrino

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 300

Il viaggio ha sempre affascinato gli scrittori. Viaggiare ha concesso ad alcuni di loro la temporanea illusione di sfuggire al tempo, alla consumazione della materia, alla morte. Per altri, invece, i cosiddetti "melanconici", numericamente più numerosi nella nostra letteratura del Novecento, il viaggio è sempre stato "qualcosa da evitare". Il viaggio, ai loro occhi, accelera il tempo della morte, è sofferenza, è una sfida contro se stessi. Viaggi in Asia degli intellettuali (tali si suppone siano gli scrittori in genere) nel Ventesimo secolo. Ormai finita I'epoca degli esploratori, si cerca un contenuto di studio o l'ispirazione per un nuovo scritto. Angelo Pellegrino, in questo interessante e curioso volume, ripercorre la storia degli scrittori italiani del Novecento che hanno intrapreso dei viaggi nei Paesi orientali. Si parte dall'India di Gozzano, si passa attraverso l'Egitto di Marinetti, per arrivare poi alla Cina di Moravia.
16,50

Hopte

Arnold Rory

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 78

Arnaldo Rosin (1932), artista italiano, illustratore e compositore vive a Milano. Lo stile di Rosin è spesso descritto come "arte trascendente", che combina elementi di surrealismo e postmodernismo, con frequenti riferimenti visivi all'arte rinascimentale italiana. Nato a Cittadella in provincia di Padova, si trasferì in Umbria quando era ancora molto giovane. Nel 1967 cominciò a dedicare il suo tempo alla pittura e all'illustrazione. Molte mostre d'arte a Milano sono state dedicate ai suoi lavori, ma anche in altre città a partire dal 1970. Oltre a dipingere, ha anche illustrato libri di folklore.
12,00

La muta del serpente

Giuseppe Colangelo

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 203

Costretto ad abbandonare l'Argentina dopo la caduta di Perón, il protagonista si trova scaraventato in un paese del materano dove impara a tirare avanti svolgendo diversi mestieri. Ma il passato è duro da dimenticare. Soprattutto se a mantenerlo vivo sono le inquietanti lettere dell'amico più caro, capaci di innescare un lacerante dilemma psicologico. Di pari passo, echi di eventi criminali si incrociano lontano dai loro alvei geografici con il traccheggiare della isolata comunità di montagna, in cui si logora tra rabbia e passione, banali gesti quotidiani e inimmaginabili beffe l'illusione di essere al riparo dalla violenza dei tempi. Dramma e commedia, retti dal susseguirsi di colpi di scena, per accumulo tengono abilmente insieme voci e mondi diversi in un luogo sempre meno artefice del proprio destino. Rutilante contesto esaltato dalla fantasia narrativa dal quale emerge, come in "La Freccia di Mezzanotte" e in "Creta Rossa", una galleria di umili personaggi colmi di ironica rassegnazione, da sempre ai margini della storia e alla ricerca di se stessi.
14,00

Martina gioca

Adriana Ferrando, Cecilia Tagliabue

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 20

Questo libro è un inbook. È un libro tradotto in simboli che nasce con lo scopo di facilitare la possibilità di ascolto della lettura ad alta voce di libri illustrati per bambini e ragazzi. Il modello inbook è curato dal Centro Studi Inbook, csinbook.eu, che ne è garante della coerenza e dello sviluppo. Età di lettura: da 2 anni.
10,00

Martina si veste

Adriana Ferrando, Cecilia Tagliabue

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 20

Questo libro è un inbook. È un libro tradotto in simboli che nasce con lo scopo di facilitare la possibilità di ascolto della lettura ad alta voce di libri illustrati per bambini e ragazzi. Il modello inbook è curato dal Centro Studi Inbook, csinbook.eu, che ne è garante della coerenza e dello sviluppo. Età di lettura: da 2 anni.
10,00

Il vangelo della natura. Testo inglese a fronte

John Burroughs

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 108

Pubblicato nel 1912, "Il vangelo della Natura" fa parte di "Time and Change", una raccolta di saggi in cui si riflette sulla bellezza del mondo naturale con acuto spirito di osservazione. Il libro prende le mosse dalla seguente richiesta: un predicatore si rivolge a Burroughs incaricandolo di spiegare ai suoi fedeli quale fosse l'insegnamento della natura. Questa richiesta è il pretesto che porta l'autore a riflettere sull'importanza dell'impatto della natura nella sua vita: «quale insegnamento ho tratto dopo tutti questi anni nella natura a supporto o rinforzo del vangelo che predicava il pastore? Quale preziosa lezione mi hanno trasmesso gli uccelli? E gli animali a quattro zampe? E gli insetti? I fiori, gli alberi, la terra, l'alternarsi delle stagioni?». Lungi dall'essere un testo di matrice religiosa, nel vangelo della Natura la natura è fonte di sapere, trascendenza e portatrice di un orizzonte di senso. «Il nostro immaginario volgarizza e spoglia la Natura della sua divinità. Quando comprenderemo che cielo e terra, tempo ed eternità, pensiero e materia, morte e vita sono una cosa sola e che in Natura non vi è nulla, e nulla può non esservi, che non le sia innato, allora smetteremo di ricercare o tendere a un Dio sconosciuto e distante.»
10,50

L'uomo della sabbia. Testo tedesco a fronte

Ernst T. A. Hoffmann

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 139

Lo sventurato studente Nathanael, appassionato cultore delle arti e delle scienze e animato dal desiderio ardente di una vita nobilitata dallo spirito, incappa durante i suoi studi nella cittadina di G. nella figura dell'ottico Coppola, che risveglia in lui il funesto ricordo dell'avvocato Coppelius, legato alla morte violenta del padre. Da questo fatale incontro nella mente di Nathanael va prendendo forma un complesso intreccio del mondo reale con un mondo ideale e fantastico, che assume un carattere sempre più minaccioso e fosco...
10,50

Poesie. Testo russo a fronte

Anna Achmatova

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2018

pagine: 158

Viktor Zirmunskij sosteneva che la poesia di Anna Achmàtova derivava da Puskin, ma non dalle sue liriche, bensì dalla prosa. E questa una delle chiavi per accostarsi all'opera della Achmàtova. Dei suoi versi molti lodano la fedeltà a una certa concezione della poesia, in cui l'abbandono è sempre compensato dall'intervento della razionalità. In questa antologia sono raccolte poesie tratte da Sera, Rosario, Stormo bianco, Piantaggine, La canna, Luna allo Zenit, Libro sesto, Fiorisce la rosa di macchia, I segreti del mestiere, scritte tra il 1909 e il 1965 (un anno prima della morte) qui disposte per lo più secondo l'ordine cronologico e non secondo i temi, come usava la stessa Achmàtova. Vi si susseguono vicende personali, sentimentali, episodi della vita quotidiana, echi delle due guerre. La Achmàtova faceva parte di una società in rapida evoluzione socioeconomica, ma allo stesso tempo arretrata come quella di Nicola II, in cui però gli spazi di libertà conquistati dalla donna potevano apparire ampi, in realtà erano circoscritti. Non a caso l'Achmàtova è il primo nome femminile di rilievo che appaia nella storia della letteratura russa.
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.