Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il Mulino

Cosa c'è di là. Inno alla vita

Enzo Bianchi

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 152

"Ormai vecchio, guardando al mio passato, mi accorgo che il cammino dell'imparare a morire è stato il cammino dell'imparare a vivere, nella convinzione che ciò che si è vissuto nell'amore resterà per sempre. Solo l'amore innesta l'eternità nella nostra vita mortale. Che senso può avere nel nostro tempo la domanda sull'aldilà? Nell'epoca della morte rimossa o spettacolarizzata in un flusso di immagini che la esibiscono e la dissacrano, quale significato possiamo attribuirle? Su questa terra che tanto amo, ho sempre cercato l'eternità." Con queste parole Enzo Bianchi, instancabile cercatore di senso, apre una meditazione poetica e non dogmatica sulla più ineludibile delle domande - su quel limite capace di dare senso alla vita di ciascuno - per approdare a una risposta centrata sull'amore, sulla sua forza come trama del mondo e delle relazioni con gli altri, e quindi come ragione di speranza anche dopo la vita terrena. Un libro appassionato, carico di fiducia, in cui la morte si apre alla vita.
15,00

Il Mulino. Volume 520

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

Chi ha, chi non ha. Chi ha moltissimo, chi quasi nulla. La pandemia ha aperto ancora di più la forbice dei divari, ma i provvedimenti messi in campo si sono rivelati in molti casi palliativi. Per combattere le diseguaglianze e dare senso compiuto alla nostra democrazia, urgono invece politiche strutturali. Nel nuovo numero della rivista "il Mulino" gli squilibri vecchi e nuovi che segnano la società italiana. Hanno scritto per noi: Rossella Ghigi, Manuela Naldini, Chiara Saraceno, Andrea Brandolini, Massimo Baldini, Ugo Ascoli, Nazareno Panichella, Daniela Del Boca, Stefania Sabatinelli, Camilla Borgna, Emanuela Struffolino, Alessandro Rosina, Paola Bonizzoni, Valeria Cirillo, Matteo Lucchese, Mario Pianta, Marianna Filandri, Azzurra Rinaldi, Roberto Rizza, Giuseppe Costa, Michele Marra, Fabio Massimo Lo Verde, Laura Sartori, Sonia Paone, Raffaele Miniaci, Paola Valbonesi.
15,00

Dalla compassione all'educazione. Vie emancipative comunitarie nel Novecento

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 312

Nell'età contemporanea la teoria e la prassi educativa hanno frequentemente assunto un carattere sociale emancipativo. L'educazione è infatti divenuta strumento di ri-costruzione in senso egualitario dei ruoli e delle opportunità e luogo di affermazione della dignità umana e dell'inclusione. L'indagine storica e teorica di esperienze particolarmente significative può offrire una maggiore consapevolezza del ruolo dell'educazione come risorsa per affrontare sfide ineludibili del nostro presente, dalla lotta alle disuguaglianze all'integrazione culturale e sociale. Il volume, frutto dell'incontro collettivo di diverse azioni di ricerca su questo comune terreno d'incontro, raccoglie alcuni spunti su momenti e figure fondamentali della riflessione e della pratica educativa intesa come strumento di emancipazione nell'ultimo secolo, stagliando alcuni significativi esempi italiani (da Montessori a don Milani, alla Scuola-Città Pestalozzi di Firenze) nel confronto con esperienze internazionali di spessore (da Makarenko a Katharina Rutschky) e in un contesto di esperienze giuridiche e istituzionali di giustizia riparativa, riconoscimento dei diritti umani e dei diritti dell'infanzia.
25,00

Il turismo d'élite in Italia. Dall'età liberale al regime fascista. Storia, economia, istituzioni

Maria Luisa Cavalcanti

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 496

La storia del turismo moderno e il suo ruolo nell'economia italiana è il tema di questo volume, che dedica particolare attenzione alla struttura del mercato e ai problemi della ricettività. Nel periodo preso in considerazione, lo sviluppo economico e il miglioramento delle infrastrutture determinarono una crescita del turismo d'élite. In questo contesto l'associazionismo privato e specialmente il Touring club italiano - che collaborò validamente con l'Ente nazionale italiano per il turismo - svolsero una decisa azione di incentivazione delle buone pratiche di accoglienza e colmarono molte carenze dell'azione pubblica. Infatti, i governi liberali riservarono scarso interesse al settore, che fu lasciato a uno sviluppo spontaneo e disordinato, secondo una politica di laissez faire estranea al modello di capitalismo di stato che aveva caratterizzato le scelte economiche nei settori strategici. Anche il regime fascista seguì la stessa logica, almeno fino a che non comprese le valenze politiche di propaganda all'estero del turismo incoming e quelle di promozione del consenso del turismo interno. Ne scaturì una proliferazione normativa che va letta alla luce degli interessi politici del fascismo, ma che non seppe concretizzarsi in una politica coerente e di lungo periodo.
38,00

Craxi e il ruolo dell'Italia nel sistema internazionale

Libro: Copertina rigida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 536

Bettino Craxi resta una figura centrale per la comprensione della storia dell'Italia repubblicana tra la seconda metà degli anni Settanta e la fine della «Repubblica dei partiti». Se finora l'attenzione di chi si è occupato di quel periodo storico e del leader socialista si è concentrata prevalentemente sul contesto interno, non è possibile ignorare la funzione e l'immagine di Craxi rispetto al ruolo del nostro Paese nel contesto internazionale. Sono ora infatti disponibili importanti fonti archivistiche italiane e straniere, utili sia a tracciare un quadro dell'azione internazionale dell'Italia negli anni del Governo Craxi (1983-1987), sia a conoscere le opinioni dei maggiori attori internazionali sul leader socialista dal suo arrivo alla segreteria del partito fino alla fine degli anni Ottanta. Il volume, promosso dalla Fondazione Socialismo, con contributi di vari studiosi italiani, prende in esame temi quali le considerazioni delle autorità americane sull'ascesa politica di Bettino Craxi, le sue posizioni nei confronti della costruzione europea, l'«ostpolitik» del suo governo, i rapporti con l'Unione Sovietica, le relazioni col Medio oriente, i rapporti con alcuni importanti partner europei ecc. Ne emerge un quadro dai caratteri innovativi, non solo del ruolo di Craxi ma anche dell'azione internazionale dell'Italia e dell'atteggiamento dei suoi maggiori interlocutori.
38,00

Il protocollo segreto. Il patto Molotov-Ribbentrop e la falsificazione della storia

Antonella Salomoni

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 280

Il 21 agosto 1939, qualche minuto prima di mezzanotte (ora tedesca), la radio di Berlino interruppe un programma musicale per diffondere il seguente comunicato del Deutsches Nachrichtenbüro: «Il governo del Reich e il governo sovietico hanno stretto un accordo per stringere un patto di non aggressione. Il ministro degli Esteri arriverà mercoledì 23 agosto a Mosca per la conclusione dei negoziati». [...] L'annuncio produsse clamore: «Una bomba è scoppiata ieri sera, verso le 23.00, a Berlino» - scrisse l'ambasciatore francese in Germania Robert Coulondre al ministro Bonnet. Il 23 agosto 1939, la Germania e l'Unione Sovietica stringono un patto di non aggressione conosciuto come Molotov-Ribbentrop, che suscita scalpore internazionale, e firmano un «protocollo aggiuntivo» segreto sulla spartizione dell'Europa orientale. Evocato durante il processo di Norimberga e pubblicato negli Stati Uniti in base a copie non certificate, il protocollo scatenò una controversia che prese nome dall'opuscolo I falsificatori della storia. Da quel momento le interpretazioni in Occidente e in Urss si sono divaricate: per il campo occidentale il protocollo era «vero»; per quello sovietico era «falso». Il ritrovamento, nel 1992, del «plico» che lo conteneva, invece di ricongiungere la storiografia russa a quella occidentale, ha dato inizio ad un processo di restaurazione delle tesi dei Falsificatori della storia che arriva, con Putin, fino ai nostri giorni.
22,00

Alberto Predieri: percorsi, profili, insegnamenti

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 152

Ricorrendo il centenario dalla nascita, la Fondazione intitolata ad Alberto Predieri ha ritenuto di ripercorrere una serie di profili e di metodologie della sua vastissima produzione scientifica. Lo scopo non è tanto di onorarne la memoria, quanto di disvelarne la sensibilità ai retroterra storici, sociologici e politologici degli assetti normativi, che hanno fatto di Predieri uno studioso che ha sempre mirato al centro della complessità delle relazioni profonde che legano società civile, società politica, istituzioni e un continuo scopritore di nuove formule definitorie e nuove ipotesi interpretative e di lavoro. Tanto che molti dei suoi scritti hanno segnato tappe decisive dello sviluppo del pensiero costituzionalistico, così come della riflessione politologica. Il volume intende altresì mettere in luce i tratti peculiari della personalità di Alberto Predieri, che in sede scientifica si traduce in uno stile non curiale e irto di spunti polemici, perché nel diritto non vedeva astratte costruzioni, ma le condizioni di vita di tutti noi, e nello stesso tempo perché la polemica era insita nel suo carattere battagliero e indomito, forgiato da valori costantemente perseguiti e sentiti come indeclinabili quali onore, dignità, coerenza e senso del dovere. Talché le pubblicazioni erano per lui insieme e un manifesto e una testimonianza; il riflesso, anzi, della sua personalità e del suo coraggio di cui aveva dato del resto ampia prova da giovane ufficiale della Julia nella campagna di Russia e poi nella guerra partigiana.
15,00

Diritto civile. Norme, questioni, concetti. Volume 1

Libro: Copertina rigida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 1146

72,00

Le leggi fondamentali della stupidità umana

Carlo M. Cipolla

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 96

«Una persona stupida è una persona che causa danno ad un'altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita» Terza legge fondamentale.
16,00

Il grande racconto del Mediterraneo

Egidio Ivetic

Libro: Copertina rigida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 394

«...il Mediterraneo è un crocevia antichissimo. Da millenni tutto vi confluisce, complicandone e arricchendone la storia» Fernand Braudel Il Mediterraneo è il cuore incandescente di un unico vitale continente afro-euro-asiatico, l'epicentro della grande storia che qui transita e da qui scaturisce, il luogo in cui si è concentrato per alcuni millenni il mondo immaginabile. Come comprendere quella straordinaria «pianura fluida» che è il Mare Nostrum? Mettendosi sulle tracce delle civiltà sepolte? Ripercorrendo il vagare di eroi erranti come Ulisse, Enea o i viaggi dei pellegrini verso la Terrasanta? Interrogando gli strati e i substrati archeologici? Abbracciandone il paesaggio oppure lasciandosi abbacinare dai capolavori artistici? Il racconto mai concluso di una storia millenaria, unica e imprescindibile, fatta di guerre e convivenze, scambi e antagonismi, invasioni e diaspore, ibridazione ininterrotta di saperi, miti, leggende, manufatti, nel coesistere di culture religiose ora dialoganti ora in conflitto. Il ritratto in movimento di una civiltà e del suo mare.
48,00

Medioevo migratorio. Mobilità, contatti e interazioni in Italia nei secoli V-XV

Ermanno Orlando

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 312

La storia del Medioevo è anche, e soprattutto, storia di migrazioni, di incontri e rimestamenti, di interazioni e radicamenti e di fusioni e contaminazioni - continue e ininterrotte - tra popoli, culture, lingue e civiltà differenti. Ciò vale tanto più per la penisola italiana da sempre attraversata da correnti migratorie e da spostamenti di genti e persone che ne hanno ogni volta riplasmato e ridefinito le identità, il carattere, la personalità e il genio. Attraverso sedici percorsi tematici verranno illustrate le migrazioni di quanti, spinti da guerre, pestilenze, congiunture economiche, interessi commerciali, mutamenti delle frontiere, espulsioni religiose, motivi politici o di studio, si sono messi in movimento, cambiando città, vita, usi e costumi.
25,00

Governance dei fondi pensione e regolamentazione Iorp2

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2022

pagine: 200

Il volume affronta il tema dell'adeguamento dei fondi pensione alla normativa italiana di recepimento della Direttiva Iorp2 (Direttiva (UE) 2016/2341). Oltre alle disposizioni di legge, i fondi pensione italiani hanno dovuto tener conto delle indicazioni contenute in molti provvedimenti di regolamentazione secondaria, adottati a seguito di ampie e partecipate consultazioni. Il quadro complessivo vede notevoli interventi sulla governance, con l'introduzione delle funzioni fondamentali di gestione del rischio, revisione interna e attuariale, oltre a importanti assestamenti sul versante della trasparenza verso aderenti e beneficiari. Il volume vuole rappresentare un primo resoconto del percorso di adeguamento, nella consapevolezza che l'assimilazione delle novità e la diffusione delle buone pratiche richiederà tempo.
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.