Il tuo browser non supporta JavaScript!

CELID

Paesaggio: cura, gestione, sostenibilità-Landscape: tidiness, management, suistainability

Libro: Libro in brossura

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 136

Tra le politiche promosse dalla Convenzione Europea del Paesaggio, la "gestione dei paesaggi" è il tema più negletto, forse il più difficile. Esso coinvolge la dimensione economica, sociale e temporale del paesaggio; in una parola, la sua sostenibilità. Quali sono le azioni che contribuiscono a creare qualità nel paesaggio? Quale sostenibilità hanno nel tempo? Per gestire e curare il paesaggio servono strumenti o soggetti specifici? Come attivare e supportare la cura e la manutenzione diffusa, in un momento di crisi economica? Questo volume raccoglie una serie di contributi sul tema, a firma di studiosi e amministratori, portatori di esperienze concrete in ambito italiano ed europeo (tra queste, i Piani di gestione dei siti Unesco italiani, il parco Miribel Jonage di Lione, i parchi dell'Area Metropolitana di Barcellona). Il volume privilegia esperienze 'mature', ossia capaci di restituire gli effetti di un'attività, come quella gestionale, che richiede tempo per essere sviluppata e valutata, e che si esplica in una varietà di strumenti a diversi livelli, coinvolgendo tanto le comunità quanto le amministrazioni. Il volume sviluppa le riflessioni nate nell'ambito della sesta edizione della biennale internazionale "Creare Paesaggi", promossa dall'Ordine degli Architetti di Torino e dalla Fondazione OAT, e si rivolge sia agli amministratori che hanno responsabilità nel settore, sia a chiunque voglia "prendersi cura" del paesaggio.
23,00

Architecture and places. Progetto culturale e memoria dei luoghi-Cultural design and sites' memory

Libro: Copertina morbida

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 203

Il senso di appartenenza a un paesaggio come sentimento collettivo è una delle premesse indispensabili alla coesione sociale, tanto da allargare il significato della parola "identità" ai luoghi che abitiamo. La promozione culturale dei territori deve a sua volta puntare su forme di sviluppo che non siano solo turistiche, ma che consentano a chi li attraversa di capirli, conoscerli, apprezzarli, investirvi. In questo libro sono descritti alcuni,esempi di progetti culturali per il territorio che, adoperando tecniche e strumenti innovativi, possono contribuire a promuovere, salvaguardare e sviluppare luoghi e memorie preziosi. Il volume è il risultato della ricerca Archi.Pla (Regione Piemonte 2009-2012), che ha indagato il tema dei paesaggi culturali a partire da una molteplicità di punti di vista e competenze disciplinari diversi. Si rivolge non solo agli studiosi di paesaggi culturali, che vi troveranno spunti metodologici e operativi, ma anche a tutti gli operatori che si occupano di trasformazione del paesaggio e che sono interessati ai nuovi strumenti di valorizzazione dei territori.
20,00

Filippo Juvarra

Cristina Ruggero

Libro: Copertina morbida

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 31

Questa agile introduzione alla figura di Filippo Juvarra (1678-1736) offre un ritratto a tutto tondo del grande architetto settecentesco tra Messina, Roma, Torino e Madrid. L'autrice ripercorre le tappe della sua vicenda biografica e illustra le principali opere da lui realizzate in qualità di Primo Architetto Civile del regno sabaudo: dalla basilica di Superga, ai complessi della Venaria Reale e del Castello di Rivoli; dalla facciata e dallo scalone monumentale di Palazzo Madama, alla chiesa del Carmine e alla Palazzina di Stupinigi, per citare solo i capolavori più noti. Accanto al suo profilo pubblico di artista di genio, il libro offre anche scorci sullo Juvarra privato, brillante e raffinato uomo di corte.
6,00

Introduction to flight dynamics

Giorgio Guglieri, Carlo E. Riboldi

Libro: Copertina morbida

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 236

Questo libro (scritto in lingua inglese) è destinato a un pubblico di studenti e ingegneri che sono interessati a comprendere e a utilizzare i concetti della dinamica del volo. Il volume illustra al lettore i princìpi fondamentali della materia secondo un approccio analitico classico. I concetti di controllabilità e manovrabilità sono dettagliati a partire dalla definizione di stabilità e controllo degli stati di equilibrio. Sono fornite le equazioni per la stima dei momenti di cerniera e degli sforzi di barra in volo livellato e in manovra. Le equazioni del moto vengono estese al volo dinamico, derivando un modello analitico utilizzato per l'analisi della stabilità dinamica del velivolo, fornendo un'interpretazione delle derivate di controllo e stabilità. Viene poi ricostruita la risposta modale del velivolo nel piano longitudinale e nel piano latero-direzionale. Sono inoltre introdotte le problematiche inerenti alla valutazione delle qualità di volo di un aeromobile ad ala fissa. Si discute successivamente la risposta al comando ad anello aperto e per il sistema controllato con retroazione, sia nel dominio del tempo sia in quello della frequenza. Infine, sono presentati gli elementi teorici alla base dell'applicazione dell'identificazione parametrica al caso aeronautico.
26,00

Il genepì: valutazioni economiche e organizzazione della microfiliera in Piemonte. Teoria e casi

Simonetta Mazzarino, Moreno Soster

Libro

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 100

La montagna è un ambiente difficile e fragile, non solo in quanto ecosistema e contesto di vita per le specie che lì vivono ma anche per quanto riguarda le opportunità di reddito dei suoi abitanti, come sa bene chi cerca, attraverso forme di pluriattività, di individuare attività economiche tali da consentire un reddito adeguato, unica possibilità per una permanenza stabile che contrasti lo spopolamento. Questo volume racconta l'esperienza pluriennale condotta dalla Regione Piemonte relativamente ad attività di ricerca e sperimentazione di tipo interdisciplinare intese a rendere possibile la coltivazione del genepì, pianta indispensabile per ottenere l'omonimo liquore-digestivo, che da sempre viene prodotto nelle vallate alpine piemontesi e valdostane ricorrendo alla raccolta dello spontaneo. Della complessa attività di sperimentazione condotta nell'arco di un decennio vengono, in particolare, presentati dati relativi alla struttura e al peso che negli ultimi anni ha assunto la microfiliera del genepì, cercando di valutare altresì le potenzialità di reddito che questa piccola specie potrebbe offrire, se adeguatamente coltivata.
10,00

La casa tra gli alberi: un progetto di Studioata. Ediz. italiana e inglese

Alberto Rosso, Giulia Giammarco

Libro: Copertina morbida

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 67

"La casa tra gli alberi" di Studioata è un progetto che rielabora e sintetizza alcuni temi oggi cari agli architetti: il riuso di un basso fabbricato situato all'interno di una corte residenziale e il trapianto ideale di un brano di campagna all'interno di un pezzo di città, ricorrendo a un'architettura sobria ed elegante.
10,00

Augusta Bagiennorum. Storia e archeologia di una città augustea

Libro: Libro in brossura

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 368

La città romana di Augusta Bagiennorum venne fondata intorno alla fine del I secolo a.C. nell'ambito del programma politico augusteo di riorganizzazione dell'intero Piemonte. Gli abitanti, probabilmente veterani di Ottaviano Augusto, si insediarono nel territorio appartenuto alla tribù preromana dei Ligures Bagienni e vi costruirono un centro che sia nell'impianto, ad assi ortogonali, sia nelle tipologie edilizie, era lo specchio dell'immagine urbana di Roma. La conoscenza del sito, nella Piana della Roncaglia, che ancora oggi conserva intatte le sue caratteristiche ambientali, si deve a due studiosi benesi, Giuseppe Assandria e Giovanni Vacchetta, i quali a partire dal 1892 fino al 1909 vi condussero campagne di scavo. Alla fine degli anni cinquanta del Novecento la Soprintendenza alle Antichità del Piemonte creò l'area archeologica demaniale, lasciando a vista i resti del teatro e della retrostante porticus. La ripresa in anni recenti delle indagini da parte della Soprintendenza, nell'ambito di un programma più ampio di riqualificazione e di valorizzazione del sito archeologico, ha consentito di esplorare in modo più sistematico alcuni dei monumenti pubblici, tra cui l'anfiteatro e il settore del Foro dedicato all'area sacra con i resti del podio su cui sorgeva il tempio, precisandone le fasi costruttive e la cronologia.
40,00

La sicurezza sui luoghi di lavoro. Manuale operativo

Massimo Giuntoli

Libro: Copertina morbida

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 165

Questo volume, basato sulle prescrizioni del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., è un utile strumento di lavoro per chi opera come Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione in qualsiasi tipo di realtà aziendale. Incentrato in particolare sulla redazione del Documento di Valutazione dei Rischi, il libro presenta un percorso guidato alla stesura del DVR e l'elenco dei vari rischi da considerare, nonché una serie di comodi prospetti riassuntivi riguardanti le verifiche periodiche e gli obblighi di formazione previsti dagli Accordi della Conferenza Stato-Regioni del 21 dicembre 2011. Le aziende ricercano sempre più spesso un professionista aggiornato e competente, al passo con la costante evoluzione normativa. Per questo il contenuto della pubblicazione deriva dai contributi didattici che i relatori dei corsi organizzati dall'Ordine degli Architetti di Torino e dalla Fondazione OAT hanno offerto negli ultimi anni. Si sono infatti alternati liberi professionisti, tecnici e legali esperti nel settore, funzionari degli S.Pre.S.A.L, dell'ARPA e della Regione Piemonte.
23,00

Valutare la qualità televisiva. Metodi e strumenti socio-semiotici perle giurie del Prix Italia

Antonio Santangelo, Giuseppe Tipaldo

Libro

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 120

Frutto della collaborazione tra l'Università di Torino, la UCLan University di Preston (UK) e il Prix Italia della Rai. Questo libro si rivolge a chiunque desideri prendere confidenza con alcuni dei più innovativi strumenti che la socio-semiotica offre per riflettere sulla qualità televisiva. Muovendo da un contesto disciplinare al confine tra ricerca sociale e semiotica, gli autori costruiscono un rigoroso apparato di analisi del contenuto dei testi televisivi per offrire una definizione metodologicamente valida e attendibile del concetto di qualità televisiva. Pensato innanzitutto per le giurie dei premi televisivi, Prix Italia in primis, per gli studenti, gli studiosi e i professionisti della comunicazione mediata, il testo resta aperto alla fruizione di chiunque coltivi un interesse circa il dibattito - non necessariamente accademico o specialistico - intorno al valore dell'offerta televisiva. Un argomento che va sempre più acquistando visibilità e interesse, in uno scenario mediatico in rapida evoluzione e non privo di aspetti controversi, come quello che caratterizza la turbolenta epoca in cui viviamo.
15,00

Economia morale. La sfida della cooperazione. Intervista a Luigi Berzano di Alessandra Luciano

Luigi Berzano, Alessandra Luciano

Libro: Copertina morbida

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 48

La cooperazione ha attraversato la lunga storia della modernità rappresentando il polo della partecipazione dell'individuo, della sua libertà e dell'arricchimento apportato al mercato. Cooperare attiva profondi legami tra gli individui: ciò rappresenta un fattore necessario per lo sviluppo e la crescita sociale, esattamente come sono fondamentali il mercato e lo Stato. Da questo punto di vista se non c'è modernità senza individuo, altrettanto non c'è modernità senza cooperazione. Possiamo considerare le cooperative come un fenomeno universale. Gli economisti liberali alla fine dell'Ottocento (e anche quelli attuali) non sono riusciti a dare una ragione al fenomeno della cooperazione, ritenendolo una forma d'impresa imperfetta. I sociologi tendono a credere che le società funzionino bene se hanno un'economia polifonica, se a fianco della proprietà privata si esprimono altre forme di proprietà. Anzi, la cooperazione consente anche al mercato di funzionare meglio, perché lo tempra degli aspetti più aspri e lo arricchisce.
5,00

Ambiente, qualità e cooperazione valori del futuro. Intervista a Luca Mercalli di Alessandra Luciano

Luca Mercalli, Alessandra Luciano

Libro

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 48

Il modello economico produttivo ha sino ad oggi fondato ogni sua strategia sulla competitività: nel produrre, nel vendere, nell'affermarsi sul mercato per conquistare posizionamenti. Ma la competitività rappresenta l'anticamera del conflitto, e non può essere un valore per la specie umana che è una specie sociale. "Essere competitivi significa in sostanza essere rapaci, cioè cercare di accaparrarsi le risorse disponibili per primi e al minor costo possibile. Essere competitivi, sul piano sociale, implica tendere a voler trarre il massimo profitto dal proprio prodotto, e per conseguire questo fine si è disposti a tutto sacrificando anche i rapporti umani. In questo modello di agire competitivo mancano gli altri elementi che sono fondamentali per la sopravvivenza di ogni specie: quei valori che devono distinguere il nostro rapporto di produzione con l'ambiente e con gli altri individui. Da studioso di problemi climatici e ambientali non posso non constatare come oggi la competitività stia distruggendo fisicamente il pianeta ma anche alienando i legami tra società e individui. Allora, quali sono i valori utili oggi, in un mondo sovraffollato, se non vogliamo farci la guerra? Io credo che la qualità e la cooperazione siano i valori del futuro".
5,00

Cooperare contro la crisi. Intervista a Giancarlo Gonella di Alessandra Luciano

Alessandra Luciano, Giancarlo Gonella

Libro

editore: CELID

anno edizione: 2014

pagine: 40

"La situazione di crisi in Italia sarà tale ancora per molto tempo, per cui le risorse del welfare sono in contrazione inevitabile, occorre trovare il modo di rispondere alla contrazione delle risorse e del credito". È perciò importante che "con i partner istituzionali si ridefinisca una capacità [...] di tutti gli attori sociali di ridisegnare il welfare in Italia. Questo modello non può reggere, le richieste di prestazioni sanitarie per esempio sono sempre in crescita ed è necessario ripensare il sistema. Le cooperative sociali possono contribuire significativamente alla riorganizzazione del welfare trasformandosi da semplici fornitori di servizi in partner co-gestori. La cooperazione porta elementi di coesione sociale che altre imprese non portano. Occorre rilevare che in tante cooperative gli immigrati fanno lavori pesanti che altri non vorrebbero [...], ma in ogni caso la cooperativa è [...] un veicolo di inclusione sociale per questi lavoratori, i quali hanno occasioni di mobilità sociale e di ricoprire nelle cooperative anche ruoli di direzione. Inoltre molti immigrati dopo un'esperienza di lavoro in un'impresa cooperativa acquisiscono la cultura e la formazione necessarie per aprire nuove cooperative di lavoro che rispondono efficacemente alla crisi dell'occupazione e consentono a questi lavoratori di ottenere i permessi [...] per continuare a risiedere in Italia, rispondendo così ad un loro bisogno e contribuendo [...] allo sviluppo dell'economia 'pulita' del nostro Paese".
5,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.